Motori24

Un piccolo giaguaro con gli artigli affilati

Auto

Un piccolo giaguaro con gli artigli affilati

BRIGHTON - la Jaguar pi piccola della storia, e quasi sicuramente rimarr tale per sempre, ma l’E-Pace non impone rinunce n a livello d’immagine n di gradevolezza d’impiego rispetto alle pi grosse. L’abbiamo guidato in anteprima sulle strade dell’East Sussex, in Inghilterra, concedendoci anche una breve digressione nel fuoristrada leggero. Infatti, per la seconda volta nel giro di poco tempo, il Dna della Jaguar si stempera in un suv. Questa volta di taglia compatta, ma vuole essere ancora pi graffiante della F-Pace che sta spingendo le vendite del brand britannico a livelli record. Un’ambizione esagerata? Niente affatto, poich si colloca in un contesto che sta dilaniando ovunque berline e station wagon compatte, noioso ripeterlo in questo periodo ma la situazione non lascia alternative, e prospetta a prima vista l’accennato Dna Jaguar.

Infatti, la sua linea una sintesi di tratti che la collegano sia alla pi grossa F-Pace sia alle sportive F-Type ma, nonostante ci, d come risultato una personalit ben riconoscibile. elegante e atletica, grazie alla definizione della parte posteriore della carrozzeria che si sorregge su muscolose spalle. Con questo look e una lunghezza che non sconfina da 4,40 metri, l’E-Pace si propone come alternativa sia alla Range Rover Evoque con la quale, anche se lo mimetizza bene, ha molto in comune sia all’Audi Q3, alla Bmw X3, alla Mercedes Gla e alla Volvo Xc40.

La personalit raffinata ma sportiva dell’E-Pace (costruita in Austria dalla Magna) ben percepibile anche nell’abitacolo. in grado di accogliere nella zona posteriore due persone per via dell’ingombro del tunnel centrale ma senza limitazioni in altezza, rifinito in maniera ricercata e arredato in modo da soddisfare sia il colpo d’occhio sia la funzionalit, grazie anche al profilo che partendo dalla consolle centrale arriva ad abbracciare tutto il “ponte di comando”.

In altri termini, il reparto in cui si concentrano strumentazione, comandi secondari e display capacitivo da 10,2” del sistema di infotainment Touch Pro, integrabile dal pacchetto inControl e da una connettivit estesa.

Ma sull’E-Pace sono imbarcate, di serie o a richiesta, anche altre tecnologie all’avanguardia: le sospensioni adattive, l’head-up display, una fitta rete elettronica formata da telecamere e sensori oltre a dispositivi rivolti alla sicurezza e al sostegno alla guida che, sia sull’asfalto sia in fuoristrada, ottimizzano il comportamento e la risposta della trazione integrale.

Quest’ultima offerta di serie su tutte le versioni eccetto che sulla turbodiesel da 150 cv che, quindi, a trazione anteriore. C’, per, anche la variante con quattro ruote motrici che, di conseguenza, analoga a quelle spinte dalla medesima unit di 2 litri, ma con potenze di 180 e 240 cv. Ed sempre di 2 litri anche l’unit sovralimentata a iniezione diretta di benzina, proposta nelle varianti da 250 e 300 cv che, al pari del turbodiesel pi potente, si interfacciano di serie con il cambio automatico a 9 marce. La famiglia dell’E-Pace in vendita a prezzi che vanno da 37.000 a 66.000 euro.

La turbodiesel da 180 cv a trazione integrale e con cambio automatico (44mila euro) si comporta in maniera convincente, ma prospetta un’agilit meno felina rispetto a quella delle pi recenti Jaguar poich si basa sull’architettura dell’Evoque, che non in alluminio. Quindi, pur essendo compatta, pesa 1.800 kg.

Il rendimento del motore, tuttavia, batte sempre l’effetto della massa e, quindi, asseconda la guidabilit, a prescindere dalle andature. In alcuni frangenti, per, la sua tonalit influisce sul comfort, come del resto fa sullo sconnesso la taratura che assume l’assetto quando si impiega la modalit dynamic.

© Riproduzione riservata