Motori24

Bmw M5, dedicata ai piloti in «doppio petto»

  • Abbonati
  • Accedi
Auto

Bmw M5, dedicata ai piloti in «doppio petto»

Giacca, cravatta e casco. L’abbigliamento tipico di chi vorrebbe cingere tra le mani il volante della nuova Bmw M5. Coppia e potenza sono tali da poter contendere il primato a blasonate supercar. Perché il V8 sovralimentato che presenzia sotto il cofano eroga 600 cavalli e 750 Nm di coppia motrice. Il tutto si concrettizza in un passaggio da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi (lo 0-200 km/h è coperto in 11,1 secondi) e in una velocità massima autolimitata a 250 km/h (305 km/h con l’apposito pacchetto). E il fatto che non si comporti come un animale in gabbia, ne alimenta il fascino “trasversale”. Oggigiorno sono poche le M5 che rimangono in Europa. Valicano i confini per muoversi verso gli Stati Uniti e ovviamente verso est. La Cina rappresenta il bacino d’utenza più interessante per i bavaresi, ma pure quello con gli automobilisti meno esperti. Così l’avvento della trazione integrale xDrive è una manna per chi non conosce i fondamentali del controsterzo.

Ovviamente la catena cinematica è stata rinforzata a livello di rigidità e di resistenza, così da tenere conto dell’elevata coppia, della configurazione che privilegia il posteriore e dell’opzione 2wd. Sì, perché si può scegliere per la marcia con la trazione sulle sole ruote posteriori. Ma niente retrotreno autosterzante: la nuova M5 ne fa a meno.

Peccato solo che il merito di tali prestazioni, sia dovuto ad un’elettronica rinforzata, piuttosto che a vere novità tecniche e meccaniche. Come invece avveniva per le M5 del passato.

A bordo alcune grafiche dell’apparato multimediale di Casa Bmw sono dedicate al modello M5, che mette sul piatto un sistema tra i più completi del suo genere. La presenza di Apple CarPlay (ma non di Anroid Auto) è solo l’ultimo tassello di una multimedialità che prevede pure i comandi gestuali (che funzionano davvero). Sono limitati ad una serie di menù, ma una volta presa la mano sarà difficile tornare indietro. E poi c’è ancora la rotella per gestire il Bmw ConnectedDrive, ma si palesa pure la possibilità di adoperare lo schermo touch che sovrasta la plancia. Oppure ci si può affidare ai comandi vocali che assumono un “tono” quasi colloquiale. E il prezzo? Per la nuova Bmw M5 bastano “solo” 122.000 euro (accessori esclusi).

© Riproduzione riservata