Motori24

Ford, più tecnologia per l’atto secondo di EcoSport

  • Abbonati
  • Accedi
suv

Ford, più tecnologia per l’atto secondo di EcoSport

LISBONA - Ford EcoSport, è tempo di cambiare ancora, ma ora si va più in profondità. Dopo infatti il lancio in Europa avvenuto nel 2014, la casa dell’Ovale Blu interviene ancora una volta per migliorare il proprio piccolo suv e lo rende davvero “europeo”. Un cambio di marcia industriale – ora è prodotto a Craiova, in Romania e non più a Chennai, in India – segnalato da un miglioramento sostanziale della qualità complessiva e dall’arrivo della versione ST Line, riconoscibile all’esterno dal tetto a contrasto di serie (4 tinte invece delle 2 in optional per le altre) e dai particolari in nero lucido.

Lunga 4,10 metri, la EcoSport è l’auto più corta del segmento, ma non ha nulla da invidiare alle altre concorrenti sia per lo spazio interno, sia per il volume del bagagliaio che va da 356 a 1.230 litri e ha la sola particolarità di avere il portellone ad apertura laterale, retaggio di un’auto nata con la discutibile e discussa ruota di scorta esterna, ottenibile ancora a richiesta. Netto il salto in avanti per la qualità dei materiali e per il design.

La ST si riconosce per le cuciture rosse, il volante ripreso dalla Focus ST e la pedaliera e il pomello del cambio in alluminio. La plancia riprende la lezione della Fiesta: ci sono molti meno tasti e in alto al centro lo schermo del sistema infotelematico disponibile in 3 varianti: il display da 4,2 pollici con la docking station, lo schermo a sfioramento da 6,5” e quello da 8” con il navigatore incluso e completabile con un sistema audio da 300 Watt. Questi ultimi due hanno la retrocamera e il sistema Sync3, che è aggiornabile “over the air”, ovvero collegandolo ad una rete wi-fi, e accoglie dispositivi sia Android sia iOs. La dotazione di sicurezza conta su 7 airbag, il controllo della pressione per gli pneumatici, il sensore per l’angolo cieco, dunque non ci sono ancora tutti i dispositivi di assistenza più moderni, ma ci sono i fari allo xeno e la retrocamera. Moderna invece la scelta dei motori.

Si parte dal pluripremiato 3 cilindri mille turbo benzina ad iniezione diretta con potenze di 140 cv o 125 cv, quest’ultimo anche con cambio automatico con convertitore di coppia a 6 rapporti. L’altro motore in gamma è il nuovo diesel 1.5 EcoBlue da 100 cv (4,1 litri/100 km pari a 107 g/km di CO2) che a maggio – quando arriverà anche il mille da 100 cv – avrà anche una versione da 125 cv, disponibile anche con la trazione integrale: una novità controcorrente destinata ad allargare la clientela dell’EcoSport che in Italia ha targato un quarto delle 150mila unità vendute in tutta Europa. Il piccolo suv mostra di essere migliorato parecchio anche su strada perché è più confortevole e guidabile con entrambi i motori, soprattutto con la versione diesel a trazione integrale che ha anche le sospensioni posteriori indipendenti.

Il listino parte da 18.750 euro con 4 allestimenti (Plus, Titanium, ST line e Business), ma il prezzo effettivo di ingresso è di circa 16mila e scende di altri mille euro se in concessionaria portate un usato immatricolato prima del 31 dicembre 2009. Con la formula della “mezza auto” Idea Ford, la rata parte da 150 euro.

© Riproduzione riservata