Motori24

Dossier I clienti business europei preferiscono le berline

  • Abbonati
  • Accedi
    Dossier | N. 10 articoliSpeciale flotte aziedali, tutto quello che c’è da sapere sull’auto formato business

    I clienti business europei preferiscono le berline

    Volkswagen Golf
    Volkswagen Golf

    Tra i 5 Paesi più importanti d’Europa a livello di volumi di vendita (Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Spagna), nel 2017 sono stati immatricolati 2,817 milioni di automobili nel comparto True fleets (cioè le vendite aziende inclusi i noleggi a lungo termine).

    I numeri più alti sono quelli della Gran Bretagna, Paese nel quale le flotte aziendali costituiscono la fetta di mercato più rilevante: 875.414 unità, seguiti a breve distanza da quelli della Germania con 846.037 vetture. Al terzo posto la Francia (467.132 immatricolazioni), quarta l’Italia (363.945) e quinta la Spagna (265.358).

    Il modello leader del comparto True fleets è la Volkswagen Golf con quasi 100mila unità vendute. Per la piazza d’onore è stato un serrato testa a testa tra la Renault Clio (65.008) e la Volkswagen Passat (64.199). Fuori dai gradini del podio Audi A4 (56.784), Nissan Qashqai (53.552), Volkswagen Tiguan (52.941), Opel Astra (49.689), Peugeot 3008 (47.929), Mercedes Classe C (47.578) e Skoda Octavia (47.506).

    Si nota come le scelte dell’utenza business siano più orientate verso modelli dalle forme più tradizionali (berline e station wagon), prevalentemente di segmento C e D (compatte e medie), con solo tre suv-crossover nella top ten. A dominare la graduatoria sono i marchi tedeschi (tutti ben rappresentati, tranne Ford, che non compare nemmeno nella classifica tedesca, a sottolineare la vocazione commerciale più orientata ai privati della marca di Colonia (che invece nel Regno Unito è ben posizionata nelle flotte), con il Gruppo Volkswagen leader di mercato.

    La Golf è prima in Germania e in Gran Bretagna ed è presente nella classifica delle più vendute anche nelle altre tre nazioni: decima in Francia, ottava in Italia e seconda in Spagna. Nelle graduatorie nazionali, la prevalenza del prodotto di fabbricazione nazionale è forte: in Francia ben 9 modelli su 10 sono appannaggio dei costruttori locali, con Peugeot che, pur non raggiungendo la leadership di modello (che è rimasta alla Renault Clio), piazza ben tre suoi prodotti al secondo, terzo e quarto posto.

    In Germania le tedesche sono 9 e mezzo (la Skoda Octavia è quarta assoluta). In Italia sono 5 (e ai primi 5 posti), più la Jeep Renegade che è costruita a Melfi, in Basilicata. In Spagna ci sono 2 modelli Seat in classifica, ma tutti i marchi della top ten hanno siti produttivi in loco (Ford, Nissan, Peugeot, Renault e Volkswagen). Anche nel Regno Unito la presenza dei costruttori è massiccia: soltanto Mercedes e il Gruppo Hyundai-Kia non ha impianti in loco. Da notare, infine, la forte concentrazione dei clienti business verso un ristretto numero di modelli in Francia: le vendite delle 10 auto preferite costituiscono il 42% del totale delle immatricolazioni True fleets.

    © Riproduzione riservata