Motori24

Mercato auto europeo in recupero ad aprile cresce del 9,6%

  • Abbonati
  • Accedi
dati di mercato

Mercato auto europeo in recupero ad aprile cresce del 9,6%

Crescono le immatricolazioni in Europa nel mese di aprile. Dopo la frenata del mese di marzo, le registrazioni segnano un recupero e chiudono il mese a +9,6%, considerando le vendite in Europa e nei paesi dell’Efta, a quota un milione 306.273 nuove auto. Un risultato che porta l’intero quadrimestre, da gennaio a fine aprile, a 5.631.331 immatricolazioni, con un incremento del 2,6% sullo stesso periodo del 2017. Tutti e cinque i major market, come sottolinea anche l’Acea, l’associazione dei costruttori auto europei, registrano un risultato positivo.

Tra questi anche il Regno Unito che, dopo mesi di forti contrazioni nelle vendite di auto, vede il dato delle immatricolazioni di aprile crescere del 10,4%, crescita a due cifre anche in Spagna (+12,3%). In aumento tra il 9 (Germania) e il 6,5% (Italia) le vendite negli altri mercati principali europei.

Quanto alle case produttrici, il Gruppo Volkswagen migliora lo share di mercato, al 25,7, e cresce ad aprile del 13,1%, con tutti i brand della casa , ad eccezione di Audi, che crescono a due cifre. PSA consolida il secondo posto sul mercato europeo dopo l’acquisizione di Opel e registra buone performance per tutti i marchi. Anche Reanult fa bene, cresce come gruppo del 10% e vede Dacia crescere nel mese del 23,9%.

Fca in terreno positivo anche se cresce meno del mercato (+2,3%) ma registra il +75% nelle vendite Jeep. Ford migliora le vendite di 14 punti mentre Bmw segna un calo mentre Daimler (Mercedes e Smart) cresce e porta a 6,3 la quota di mercato. Toyota migliora le vendite del 20%, in terreno positivo comunque tutte le case asiatiche.

Due i macrotrend che emergono sul mercato europeo dell’auto. Da un lato, la forte discesa nelle vendite di auto alimentate a diesel - nel primo trimestre dell’anno sono state il 37,9% del totale, il 17% in meno dello stesso periodo del 2017 – con il relativo incremento delle auto a benzina, aumentate del 14,6% mentre gli autoveicoli ad alimentazione alternativa si attestano al 6,5%, comunque in forte crescita. Dall’altro, l’allarme dell’Acea sulla crescita delle emissioni di CO2 nel corso del 2017, collegabile all’incremento delle vendite di auto a benzina.

© Riproduzione riservata