Motori24

Obiettivo 400mila auto per garantire il futuro

  • Abbonati
  • Accedi
L’analisi

Obiettivo 400mila auto per garantire il futuro

Alfa Romeo è il punto di equilibrio fra l’Italia che non c’è più – l’Italia della produzione di auto di massa – e l’Italia del lusso estremo – prima di tutto Maserati, ma anche Lamborghini e soprattutto Ferrari – che significa un futuro elitariamente importante ma non massicciamente corposo nell’automotive industry. Le 100mila Maserati previste, da qui al 2022, nel nuovo piano industriale di Fca sono fondamentali. Ma le 400mila Alfa Romeo fissate come target industriale costituiscono la condizione necessaria per garantire un destino produttivo consistente al nostro Paese.

L’abbandono definitivo dell’idea che in Italia si possano fabbricare macchine con cui non si guadagna più è soltanto l’ultimo passo di un percorso iniziato ormai nel 2014, quando ad Auburn Hills il precedente piano industriale sancì – anche formalmente – che la Fca – fin dalla sua nascita segnata da una posizione finanziaria netta negativa, soltanto adesso cancellata - non poteva più perdere soldi e disperdere energie in segmenti non redditizi, in particolare avendo come base produttiva una Italia in cui a valle la domanda era in via di ripiegamento. Fare aumentare la scala dimensionale di Alfa Romeo significherà conferire un impulso significativo all’intera filiera della componentistica italiana che è ormai naturalmente orientata verso un mix di prezzi e di qualità, di servizi e di innovazione che costituisce uno dei benchmark internazionali. Per questa ragione, nella definizione di nuove linee progettuali da parte di Alfa Romeo, l’effetto sul tessuto produttivo può davvero essere massiccio. Il passo avanti di Alfa Romeo può comporre la chiusura del cerchio di un tessuto industriale che, nel caso della fornitura di componenti e di sistemi, è riuscito a compiere un salto dimensionale e di efficienza, di innovazione e di redditività che, adesso, può trovare il suo completamento. In questo processo, Alfa Romeo è essenziale per il sistema industriale.

© Riproduzione riservata