Motori24

Autopromotec Conference, a Bologna si parla del futuro dell’auto

  • Abbonati
  • Accedi
Mercato e industria

Autopromotec Conference, a Bologna si parla del futuro dell’auto

Come cambierà il settore legato all'automobile? Con il progressivo aumento delle auto ibride ed elettriche, come cambieranno le officine? La digitalizzazione quali cambiamenti porterà? Questi e altri argomenti sono tra i punti principali di Autopromotec Conference – Stati Generali 2018, una due giorni organizzata all'Unipol Arena di Bologna per capire come cambierà la mobilità e l'aftermarket automotive.

Dalla digitalizzazione alla shared mobility
Nella prima giornata oltre 500 persone hanno seguito i quattro i macro argomenti approfonditi nelle tavole rotonde che si sono succedute: dalla digitalizzazione e connettività alla elettrificazione, dalla guida autonoma alla shared mobility, nell'ottica dei repentini cambiamenti a cui è e sarà soggetto nei prossimi anni il settore della mobilità. Al centro della seconda edizione di Autopromotec Conference, dopo l'edizione del 2016, l'Area Innovazione con la presenza di venti realtà tra laboratori di ricerca, spin off universitari e start up, selezionati in collaborazione con Aster, società per l'innovazione e il trasferimento tecnologico della Regione Emilia Romagna.

L'officina diventa 4.0
L'evoluzione del parco circolante si traduce in un radicale cambiamento anche del settore legato alla manutenzione, con le officine che diventano “4.0” e si preparano ad intervenire su vetture sempre più connesse, digitalizzate e automatizzate. Come saranno quindi le officine di domani per assistere un veicolo autonomo: quali le nuove attrezzature, gli equipaggiamenti, i sistemi di diagnosi e misura, quali le infrastrutture informatiche, quali le sfide per mantenere i mercati aperti e per offrire più soluzioni ai clienti? Tutti temi affrontati ad Autopromotec Conference.

Bologna, stop alle auto termiche dal 2030
Come sottolineato dall'Assessore alla Mobilità del Comune di Bologna Irene Priolo, presente tra i relatori, la città delle Due Torri si prepara ad un cambiamento radicale sul fronte della mobilità. Infatti l'amministrazione comunale è al lavoro per vietare la circolazione di auto termiche in città a partire dal 2030, obbligando i cittadini a vendere le proprie vetture tradizionali per passare ad una mobilità condivisa. Infatti i possibili incentivi non riguarderanno l'acquisto di una vettura elettrica, ma esclusivamente per l'utilizzo di mezzi pubblici o car sharing.

© Riproduzione riservata