Motori24

Audi Q8, prova su strada (e fuoristrada) del nuovo suv coupé

  • Abbonati
  • Accedi
PRIMO CONTATTO

Audi Q8, prova su strada (e fuoristrada) del nuovo suv coupé

Audi debutta in uno dei pochi segmenti del mercato dove non era presente, ovvero quello dei suv coupé. Lo fa con la nuova Audi Q8, portando su strada tutto il meglio che troviamo in gamma partendo dalla piattaforma Mlb Evo, dalle quattro ruote sterzanti, dalle motorizzazioni ibride e dai 39 sistemi di sicurezza disponibili. A tutto questo bisogna aggiungere il nuovo corso stilistico caratterizzato dal single frame ottagonale ma soprattutto da una linea che non la fa sembrare un “carro armato” in mezzo al traffico e da una dinamica di guida che strizza l'occhio alle berline. Nonostante la stretta parentela con l'Audi Q7, la rivale di Bmw X6 e Mercedes GLE riesce ad essere dinamica e con una linea filante nonostante le misure oversize, senza rinunciare ad un abitacolo da ammiraglia. L'abbiamo guidata tra il traffico di Milano, sulle tortuose strade che portano in cima al Mottarone, in mezzo al bosco e lungo lo stretto lungolago comasco per scoprirne pregi e difetti.

Audi Q8, dimensioni
Le dimensioni della nuova Audi Q8 sono importanti, come conferma una lunghezza di quasi 5 metri e una larghezza di 2. Nonostante le generose misure, dal vivo la novità di Ingolstadt sembra più snella rispetto ai freddi numeri. Merito dell'altezza ridotta rispetto alla Q7, ora il metro si ferma a 171 centimetri, e di un design che riesce a renderla più compatta del reale spazio occupato. Partendo dal frontale, oltre al già citato single frame ottagonale, arrivano i gruppi ottici sviluppati su due livelli (A led di serie e Matrix in opzione), i blister quattro ispirati alla Ur-Quattro degli anni '80 e l'imponente spoiler. Il dna coupé lo ritroviamo nell'andamento del tetto, nell'assenza delle cornici dei vetri e in una parte posteriore caratterizzata dal grande spoiler e dai gruppi ottici con soluzione di continuità. Il carattere offroad arriva invece dai generosi passaruota ma soprattutto da un'altezza a terra in grado di raggiungere un massimo di 254 millimetri.

Interni Audi Q8
Poco prima di salire sulla nuova Q8 ho percorso circa una decina di chilometri comodamente seduto sul sedile posteriore di una Audi A8. Nonostante l'impegnativo confronto, la novità a ruote alte non ha molto da invidiare all'ammiraglia della gamma. Tralasciando alcuni particolari, come l'apertura delle bocchette di areazione, la Q8 prende il meglio dalla A8 abbinandoci una funzionalità indispensabile per chi utilizza la vettura a 360 gradi. Partendo dai sedili anteriori ritroviamo il doppio schermo a centro plancia (con lo schermo superiore da 10” per navi e infotainment e quello da inferiore da 8.6” per climatizzazione e scrittura touch) e dal monitor da 12.3” per la strumentazione. Il vero valore aggiunto arriva però dallo spazio a disposizione. A differenza dei suv coupé concorrenti, a bordo della Q8 nessuna sensazione claustrofobica per chi siede nei posti dietro e anche in cinque si viaggia comodamente. Aprendo il portellone (la serratura elettrica è di serie mentre l'apertura con il piede si paga) ci troviamo davanti ad un vano di carico da 605 litri ed espandibile fino a 1755 litri. Merito del maxi comfort a bordo è legato al passo di quasi 3 metri, soluzione che ha permesso di sfruttare al massimo lo spazio interno.

Q8, connettività e sicurezza
Non è un caso se prima di parlare di motori, sospensioni e piacere di guida, vi raccontiamo il livello tecnologico presente sulla Q8. Il motivo? Perché oggi la vera sfida tra i costruttori è proporre vetture iperconnesse, sempre più intelligenti e capaci di aiutarci nella guida di tutti i giorni. Partendo dal livello di guida autonoma, utilizzando la tabella Sae diventata strumento comune per fare chiarezza in un settore dove spesso il marketing la fa da padrone, la Q8 risponde al livello 2 e può contare su 39 sistemi ADAS (contando il Remote Garage Pilot e Remote Parking Pilot in arrivo nel 2019) che all'atto pratico si traducono in una vettura capace di guidare un po' da sola in determinate condizioni (anche se le mani devono sempre rimanere sul volante) e di controllare a 360 gradi l'ambiente circostante. Visto la stretta parentela con A8 e A7, la Q8 avrebbe già le caratteristiche per il livello 3 ad oggi non permesso dal legislatore. Passando alla connettività il sistema di navigazione MMI è proposto di serie, con funzione di autoapprendimento e calcolo del percorso online con cartografia Here. Tra dotazione di serie e optional non mancano connettività Lte Advanced, Hotspot Wlan, compatibilità Apple CarPlay e Android Auto, funzioni Audi Connect e tecnologia Car-to-X per dialogare in maniera autonoma con altre Audi di ultima generazione. Cosa significa? Se ad esempio trovate una vettura ferma nella vostra carreggiata, il sistema avviserà le auto nelle vicinanze. Grazie alla chiave Audi Connect invece si potrà condividere la vettura con altre quattro persone autorizzate, che potranno accedere e accendere la Q8 tramite il proprio smartphone Android.

Audi Q8 spiegato in video

Nuova Audi q8, motorizzazioni
Se su connettività e sicurezza i tecnici di Ingolstadt hanno montato il meglio presente in gamma, anche sul fronte delle soluzioni tecniche ritroviamo lo stesso approccio. Infatti la Q8 è il primo modello della gamma Q a montare motorizzazioni mild-hybrid, ovvero con tecnologia a 48 Volt in grado di omologarla come ibrida con tutti i benefici del caso. Al debutto e per tutto il 2018 sarà disponibile esclusivamente la versione 50 TDI spinta dal propulsore 3.0 V6 TDI da 286 cavalli e cambio automatico a 8 rapporti con trazione integrale quattro. Nel 2019 arriverà il 3.0 diesel da 231 cavalli della versione da 45 TDI e la Q8 55 Tfsi con motore a benzina 3.0 litri da 340 cavalli. Passando alla parte dinamica di serie troviamo lo sterzo progressivo, mentre l'esemplare provato montava lo sterzo integrale in grado di intervenire anche sulle ruote posteriori; alle basse velocità sterzano in senso contrario sino ad un massimo di 5 gradi, mentre alle alte velocità seguono la curva sino ad un massimo di 1.5°. Sul fronte dei cerchi l'offerta parte da 20 pollici e può arrivare fino a 22”, mentre l'impianto frenante monta dischi anteriori da 375 millimetri e posteriori da 350 mm. Per quanto riguarda gli ammortizzatori regolabili sono di serie ma si può optare per le sospensioni pneumatiche adattive, che si traduce nella possibilità di ribassare l'assetto di ulteriori 15 millimetri e di avere un'escursione (utilizzando l'Audi Drive Select) di 90 mm tra posizione più bassa e più alta per un massimo di 254 mm (che scendono a 220 con le sospensioni di serie).

Audi Q8, prova su strada
2.145 chilogrammi di peso, 5 metri di larghezza per due di larghezza e un percorso fino al Lago di Como passando dal centro di Milano e dalla vetta del Mottatore. Confesso di essere partito “leggermente prevenuto” sulle doti dinamiche della Q8, perché se da una parte la piattaforma è la stessa di Lamborghini Urus e Porsche Cayenne, la parentela più stretta è con la Q7 che non è proprio sinonimo di divertimento di guida. Invece la novità di Ingolstadt fin dai primi metri ha fatto tutto per mettermi a mio agio, grazie al retrotreno sterzante che “l'accorcia” nelle manovre più strette e alle telecamere a 360 gradi che mi hanno permesso di parcheggiare al millimetro 5 metri di suv coupé. Passando all'autostrada il comfort è tipicamente Audi, a partire dall'ottimo assorbimento dei sedili e da un livello acustico che ci ricorda l'A8 nonostante la maggiore altezza da terra. I dubbi maggiori sono però arrivati sul Mottarone, con il lungo elenco di curve e pendenze pronte a mettere in crisi il suv tedesco. E invece la Q8 ne è uscita con ottimi voti, grazie al settaggio Dynamic che abbassa la vettura di 40 millimetri e ad un comportamento generale che fa dimenticare la mole al seguito e la stacca dalle concorrenti dirette. Ovviamente siamo lontani dalle prestazioni di Cayenne, anche se la piattaforma è la stessa, ma per fare dei paragoni sensati con la rivale di Stoccarda si dovranno aspettare le future SQ8 e RS Q8. Non è mancata la prova in offroad, con una luce dal suolo aumentata di 50 mm selezionando Offroad e con l'elettronica in grado di gestire la vettura in autonomia nelle discese più impegnative. Senza aspettarsi prestazioni da fuoristrada duro e puro, la Q8 mette a tacere chi pensa che i suv (anche con cerchi da 22”) non siano adatti alla guida oltre l'asfalto.

Prezzo Audi Q8
Se al momento la lista dei difetti si limita a qualche particolare legati soprattutto all'utilizzo di una pre-serie, il voto più basso arriva dal listino. La Q8, già ordinabile in concessionaria e attesa a partire da settembre, è commercializzata a partire da 78.450 euro per la versione 50 TDI quattro tiptronic e che salgono a 86.500 euro per la versione Sport. I quasi 9 mila euro di differenza rispetto alla Q7 non sono certo pochi ma si riducono se si confrontano dotazioni e tecnologie a partire dalle motorizzazioni mild-hybrid.

© Riproduzione riservata