House Ad
House Ad
 

Norme e Tributi In primo piano

Sui premi l'impatto della manovra

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 30 agosto 2010 alle ore 08:07.


Dipendenti e dirigenti delle Pubbliche amministrazioni devono essere premiati in base alle performance individuali, cioè al raggiungimento degli obiettivi loro assegnati; ma si deve tenere conto anche delle performance organizzative dell'intero ente e delle strutture in cui operano. Sulla concreta applicazione di questo principio la manovra estiva interviene pesantemente, determinando risultati di rinvio.
Per performance organizzative si intende il raggiungimento delle finalità dell'attività amministrativa in termini di effetti concretamente determinati. Cioè il soddisfacimento dei bisogni della collettività, l'attuazione dei programmi, la soddisfazione degli utenti, il miglioramento degli standard delle prestazioni, il raggiungimento di risultati in termini di efficienza, efficacia ed economicità.
Ma, a seguito della manovra estiva, si delinea un nuovo scenario. In primo luogo, il blocco della contrattazione collettiva per il triennio 2010/2012 impedisce di destinare a questa finalità risorse aggiuntive. Poi si determina il rinvio al 2013 della effettiva destinazione alla valorizzazione del merito della parte prevalente del fondo (si veda la circolare del dipartimento della Funzione pubblica n. 7/2010). E viene rinviata l'applicazione sia del bonus delle eccellenze che del premio per l'innovazione.
La manovra estiva impone che nel triennio 2011/2013 il trattamento economico dei dipendenti e dei dirigenti pubblici non debba superare quello «ordinariamente spettante nel 2010, al netto degli effetti derivanti da eventi straordinari della dinamica retributiva».
Non è in discussione che le valutazioni non positive, con il conseguente inserimento in fasce di merito basse, determineranno una penalizzazione, in quanto il dipendente o il dirigente riceverà una quota ridotta o nessuna quota.
Il dubbio si pone per le valutazioni positive, con il conseguente inserimento nella fascia di merito più elevata, che dovrebbe determinare un aumento del trattamento accessorio. Aumento che sembra scontrarsi con il tetto introdotto dall'articolo 9, comma 1, della manovra estiva al trattamento economico individuale. Sulla base della legge di conversione, che ha sostituito alla nozione di compensi in godimento quella di compensi spettanti, (passando cioè dalla cassa alla competenze e limitando l'ambito di applicazione a quelli «ordinariamente spettanti»), si comincia a fare strada un'interpretazione che consente di applicare già dal 2011 questo pilastro della legge Brunetta.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Normativa sulla finanza pubblica | Pubblica Amministrazione

 

Si sostiene, in particolare da parte della Funzione pubblica, che comunque non ha ancora formalizzato tale tesi, che l'ambito di applicazione del tetto al trattamento economico individuale riguarda solo il trattamento fondamentale e quelle voci del trattamento accessorio che hanno carattere fisso e ricorrente, escludendo così la valorizzazione del merito legata alla performance organizzativa e individuale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

Economia Usa a stelle e (7) rischi

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Usa e per quella globale, inevitabilmente

Senza Pedemontana le imprese frenano

Se ne parla da vent'anni e ancora non c'è. L'Expo 2015 sembrava l'occasione buona per arrivare in

Lettere

I mutui latitano ma le banche abbiano più coraggio Mi chiamo Andrea Bucci, sono un giovane

Il posto italiano sul treno cinese

Dapprima le cattive notizie: l'anno appena trascorso è stato, per gli italiani, il peggiore del

Grillo è tornato e vuole contendere l'elettorato a Berlusconi

Una mossa a effetto di Beppe Grillo era attesa come inevitabile ormai da qualche settimana. Da

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Tutte le future regine delle flotte aziendali

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da