Il Sole 24 Ore
Stampa l'articolo Chiudi

2 novembre

Black list. La compilazione rigo per rigo


FRONTESPIZIO
A1 | Dati anagrafici
- Rilevano gli operatori economici residenti o domiciliati in uno dei 70 stati citati anche solo in una delle due black list Dm 4/5/99 e Dm 21 novembre 2001
- Va indicato lo stato estero (anche federato) e il relativo codice risultante dalle istruzioni: gli operatori degli Emirati Arabi Uniti vanno esposti distintamente per ciascuno dei sette Emirati in essi ricompresi, identificato da un diverso codice
- Va riportato il codice Iva o codice fiscale estero in mancanza di codice fiscale, va indicato un altro elemento identificativo (ad esempio, numero della camera di commercio). In assenza di codici rilasciati all'estero il campo sarà lasciato in bianco, ma è necessario acquisire una comunicazione scritta della controparte al riguardo

OPERAZIONI ATTIVE
A2/A3 | Cessioni di beni: fattura con applicazione di Iva
Rileva data registrazione della fattura nel registro delle vendite
Si comprendono, ad esempio:
- Vendite con consegna in Italia a stabile organizzazione italiana (o rappresentante fiscale italiano) di società black list; vendita a impresa black list senza prova avvenuta esportazione
- Vendite al dettaglio con fattura intestata a operatori economici black list
Non si comprendono:
- Vendite al dettaglio documentate da scontrino (registrazione nei corrispettivi senza identificazione del cliente) oppure vendite al dettaglio con fattura intestata a privati black list (dichiarazione scritta del cliente che attesta non essere operatore economico)

A4A5 | Prestazioni di servizi rese: fattura con applicazione di Iva
- Rileva data registrazione della fattura nel registro delle vendite
Si comprendono, ad esempio:
- Servizi di ristorazione e catering, prestazioni alberghiere, trasporti di passeggeri in Italia, partecipazione a fiere in Italia, con fattura intestata a operatori economici black list; servizi relativi a beni immobili situati in Italia resi ad operatori di black list (locazione, mediazione, consulenze di architetti, geometri, eccetera)
Non si comprendono:
- Servizi resi da ristoranti e alberghi senza emissione della fattura (registrazione nei corrispettivi senza identificazione del cliente); servizi con fattura intestata a privati black list (dichiarazione scritta del cliente che attesta non essere operatore economico)

A6 | Cessioni di beni non imponibili
- Rileva data registrazione della fattura nel registro delle vendite
Si comprendono, ad esempio:
- Cessioni intracomunitarie articolo 41
Dl 331/93 (cessioni con trasporto a Lussemburgo, Montecarlo, Isola di Man; o a rappresentanti fiscali o stabili organizzazioni Ue di operatori black list); cessioni all'esportazione e cessioni assimilate a operatori di San Marino
Non si comprendono:
- Esportazioni e assimilate a soggetti privati, non operatori economici

A7 | Prestazioni non imponibili
- Rileva data registrazione della fattura nel registro delle vendite
Si comprendono, ad esempio:
- Servizi internazionali (articolo 9: trasporti all'esportazione, intermediazioni su beni in export, eccetera) resi a stabile organizzazione in Italia di operatori black list

A8 | Operazioni esenti (articolo 10, Dpr 633/72)
8 Rileva data registrazione della fattura nel registro delle vendite
Si comprendono, ad esempio
- locazioni di immobili abitativi italiani a operatori black list; prestazioni generiche esenti (servizi finanziari, servizi sanitari, eccetera) resi a stabile organizzazione in Italia di operatori black list
Non si comprendono:
- servizi resi a privati black list; servizi resi da soggetti con dispensa ex articolo 36-bis

A9/A10 | - Operazioni non soggette
- Rileva data registrazione della fattura nel registro Iva o, se precedente o alternativa, di annotazione in contabilità generale del documento emesso
Si comprendono, ad esempio:
- cessioni di beni allo "stato estero", esistenti in Italia, in transito o depositati in luoghi sotto vigilanza doganale a operatori black list
- Servizi resi ad operatori black list esclusi da Iva per territorialità: servizi generici (dal 1° luglio 2010 se committente Ue; dal 1° settembre 2010 se committente extra Ue) come trasporti di beni, pubblicità, consulenze, intermediazioni; servizi diversi (dal 1° settembre 2010) come prestazioni su immobili all'estero, partecipazioni a fiere all'estero
Non si comprendono:
- cessioni di beni esistenti all'estero; operazioni fuori campo Iva per causa diversa dalla territorialità: cessioni di denaro, di azienda, indennizzi, risarcimenti danni, interessi di mora o penalità, anticipazioni in nome e per conto della controparte

A11/A18 | Note di variazione
(regole identiche per le operazioni passive)
- Le operazioni vanno esposte tenendo conto delle note di variazione (in aumento e in diminuzione) se rilevanti ai fini Iva ai sensi dell'articolo 26,
Dpr 633/72. Le note di variazione in diminuzione
(ad esempio, sconti o abbuoni) emesse senza rilevanza Iva non dovrebbero essere considerate (come già previsto ai fini Intra)
- Va indicato separatamente l'ammontare delle note di variazione (e della relativa imposta) su operazioni già comunicate nello stesso anno o in anni precedenti
- Per i campi relativi a note di periodi precedenti, il software accetta solo valori senza segno; in presenza di note sia d'addebito (+) che di accredito (-) pare opportuno evidenziare
solo queste ultime (senza segno), imputando quelle in aumento come nuove operazioni attive (o passive)

OPERAZIONI PASSIVE
A19/A22 | Acquisti imponibili
- Rileva data registrazione della fattura, dell'autofattura oppure della bolla doganale nel registro degli acquisti Iva (autofatture rilevano solo come registrazione nel registro acquisti)
Si comprendono, ad esempio:
- Acquisti di beni imponibili in quanto effettuati in Italia e assoggettati ad Iva con autofatturazione; acquisti intracomunitari di beni (Lussemburgo, Monaco, oppure da un paese Ue con fattura del rappresentante fiscale di una società black list); importazioni (imponibile e Iva risultanti dalla bolletta doganale - se non si è in grado di correlare bolle doganali e fatture, è accettabile indicare l'importo della fattura e l'Iva teorica relativa)
- acquisti di servizi soggetti a Iva in Italia con autofatturazione (ad esempio trasporti, pubblicità, consulenze ricevute da imprese di black list)

A23/A25 | Acquisti non imponibili e acquisti esenti
- Rileva data registrazione della fattura, dell'autofattura o della bolla doganale nel registro degli acquisti Iva
Si comprendono, ad esempio:
- Importazioni per le quali è stata rilasciata dichiarazione di intento in dogana; servizi autofatturati non imponibili ex articolo 9
(ad esempio trasporto di beni in export da spedizioniere svizzero); servizi autofatturati esenti ex articolo 10 (ad esempio servizi sanitari o scolastici da operatori black list)

A26/A27 | Acquisti non soggetti
- Rileva data registrazione della fattura nel registro Iva o, se precedente o alternativa, di annotazione in contabilità generale del documento ricevuto.
In assenza di documenti ricevuti, rileva il momento del pagamento
Si comprendono, ad esempio:
- Servizi esclusi da Iva per territorialità (solo dal 1° settembre 2010) ai sensi degli articoli 7-quater e 7-quinquies (consulenze, perizie o simili su immobili all'estero; servizi alberghieri o di ristorazione resi all'estero; attività culturali, di istruzione, ricreative, effettuate all'estero, come fiere all'estero, eccetera)
Non si comprendono:
- Acquisti di beni esistenti all'estero e ivi mantenuti
- Operazioni che non costituiscono cessioni o prestazioni o comunque escluse dalla base imponibile (addebiti ricevuti per indennizzi, risarcimenti, interessi di mora, eccetera)
- Acquisti non risultanti da fatture o da documenti intestati al contribuente (ad esempio, ricevute, scontrini, eccetera, per spese di trasferta sostenute da dipendenti/amministratori e oggetto di rimborso a piè di lista in nota spese)


2 novembre