Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 02 marzo 2011 alle ore 08:21.

My24

La conversione del decreto legge 225/10 (il milleproroghe) ha sancito la riforma della tassazione dei fondi comuni di investimento mobiliare. La novità riguarda i redditi derivanti dalla partecipazione a Oicvm e Sicav italiani e lussemburghesi "storici", fondi e Sicav di diritto estero, armonizzati e non armonizzati.

Fondi italiani e lussemburghesi
Dal 1° luglio 2011:
- il fondo non sarà più soggetto all'imposta sostitutiva del 12,5% sul risultato della gestione maturato, mentre resterà inciso di alcune ritenute sui redditi di capitale percepiti;
- al momento della distribuzione dei proventi in costanza di investimento o in sede di riscatto, liquidazione o cessione della quota (a cui è equiparato, a fini antiabuso, il trasferimento a dossier diversamente intestato), l'investitore subirà una ritenuta del 12,5% sull'incremento di valore della quota, come risulta dai prospetti periodici tra la data dell'operazione e la data dell'acquisto o sottoscrizione (il cosiddetto «delta Nav»);
- nessuna ritenuta sarà applicata a gestioni patrimoniali individuali, fondi pensione, fondi comuni mobiliari e immobiliari e soggetti residenti in paesi «white list» che danno lo scambio d'informazioni;
Dal 1° luglio 2011, eventuali minusvalenze da cessione dovrebbero essere interamente deducibili.

Fondi esteri
I proventi dei fondi comuni non armonizzati situati e soggetti a vigilanza nella Comunità e negli stati dello Spazio economico europeo (See) che danno lo scambio d'informazioni saranno soggetti, dal 1° luglio 2011, allo stesso regime dei fondi armonizzati (ritenuta del 12,5% all'atto della percezione, applicata a titolo d'acconto nei confronti degli esercenti imprese commerciali e d'imposta nei confronti degli altri soggetti). Gli approfondimenti sul Sole 24 Ore in edicola martedì primo marzo

FONDI COMUNI / I documenti delle istruzioni per l'uso

LE ALTRE GUIDE

Ricapitalizzazione, versamenti a rischio in presenza di perdite
Il revisore opera per obiettivi
Il fisco si corregge
Paesi black list - La sede della casa madre obbliga alla comunicazione
La stretta sui controlli: l'accertamento punta le società in perdita
Bilanci 2010
Censimento telematico per i contribuenti
Tutela piccoli lavori
Agenti / La deduzione per cassa piace al fisco
Il lavoro autonomo
Irap entro il primo marzo
Certificati medici online
Il contratto tra committente e prestatore può essere verbale
La dichiarazione Iva autonoma esonera dalla comunicazione dati
Nel part-time contratti a contenuto vincolato
Deducibilità degli interessi passivi
I rimborsi Iva si chiedono online
Cud 2011, tempi stretti per i datori di lavoro

Commenta la notizia