Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 27 marzo 2013 alle ore 12:30.

My24

In tempi in cui l'informazione e le notizie online prendono sempre più piede, rappresenta sicuramente un vincolo di cui tener conto ciò che il Garante della privacy
ha detto a proposito degli archivi in rete dei giornali. Chiamata in causa da due cittadini, l'Autorità ha affermato che le banche dati contenenti le notizie devono essere aggiornate.

Il ricorso all'Autorità
La questione nasce dal fatto che i due ricorrenti in passato erano rimasti coinvolti in una grave vicenda giudiziaria, di cui i media avevano dato notizia. L'informazione era – come quasi sempre accade in questi casi – rimasta in rete. Nonostante il trascorrere del tempo, nel sito di un gruppo editoriale la notizia continuava a circolare nella vecchia versione, sebbene nel frattempo il processo fosse andato avanti e fossero intervenute pronunce dei giudici favorevoli ai due interessati.

Un link per aggiornare la notizia
Questi ultimi si sono, pertanto, rivolti al Garante chiedendo che quell'articolo venisse rimosso dal sito. L'Autorità non ha dato corso a tale richiesta perché si sarebbe alterata l'integrità dell'archivio, mentre ha imposto al giornale online di aggiornare le informazioni. In altre parole, l'editore dovrà individuare – per esempio con un link, un banner o un nota alla notizia - modalità che segnalino al lettore l'esistenza di rilevanti sviluppi della vicenda di cui si dà conto nel servizio. Attraverso tale accorgimento si è così in grado di garantire alle persone il rispetto della propria identità, così come si è evoluta nel tempo, consentendo al lettore di avere un'informazione attendibile e completa.

In linea con la Cassazione
La decisione dell'Authority è in linea con una recente sentenza della Cassazione, la quale, nell'affrontare un caso analogo, ha stabilito che per salvaguardare l'identità sociale di una persona occorre garantire la contestualizzazione e l'aggiornamento della notizia di cronaca attraverso il collegamento ad altre informazioni pubblicate successivamente.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi