Norme & Tributi

L’ Europa spinge sui farmaci innovativi, lotta al cancro e…

sanità

L’ Europa spinge sui farmaci innovativi, lotta al cancro e all’alzheimer

Al via il sesto invito a presentare progetti nell’ambito dell’impresa comune «Imi 2 –Ju» («Innovative medicines initiative»), per sostenere la produzione di medicinali innovativi.

Obiettivi di questa iniziativa, incentivare la collaborazione tra tutte le parti interessate, e cioè l’industria, gli enti pubblici (comprese le autorità di regolamentazione), le associazioni di pazienti, le università e i centri clinici e migliorare l’efficacia e l’efficienza del processo di sviluppo dei medicinali affinché il settore farmaceutico produca, sul lungo periodo, medicinali innovativi più efficaci e più sicuri.

In questa prospettiva l’impresa comune ha l’obiettivo di sostenere il settore R&S nell’industria farmaceutica negli Stati membri e nei Paesi associati al Programma Horizon 2020.

L’invito numero 6 – aperto fino al 12 gennaio 2016 per la prima fase e il 14 giugno 2016 per la seconda fase - ha un budget pari a 93 milioni di euro (di cui 46,5 milioni stanziati da Efpia, la federazione europea dell’industria e delle associazioni farmaceutiche e altri 46,5 milioni dall’impresa comune).

Il progetto si focalizza sui quattro tematiche:

sviluppo di metodi del sistema quan titativo di tossicologia (Qst) per aumentare la conoscenza della sicurezza dei nuovi farmaci;

stabilire l’impatto dell’infezione da virus respiratorio sinciziale (Rsv), la malattia che ne risulta e l’approccio della sanità pubblica per ridurre le conseguenze;

raccolta di risultati a livello mondiale sullo spettro dell’Alzheimer per una migliore cura della malattia;

sviluppo di una piattaforma di dati focalizzata sui risultati per aiutare i responsabili politici e medici a ottimizzare la cura per i pazienti con neoplasie ematologiche.

Sono ammissibili ai finanziamenti le microimprese, le piccole e medie e altre società con fatturato annuo massimo di 500 milioni di euro, purché non siano soggetti collegati a società con fatturato annuo superiore a 500 milioni di euro; istituti di istruzione secondaria o superiore; organizzazioni senza scopo di lucro, incluse quelle che annoverano tra i propri obiettivi principali lo svolgimento di attività di ricerca o sviluppo tecnologico, e le organizzazioni dei pazienti; il Centro comune di ricerca; organizzazioni internazionali di interesse europeo.

La presentazione delle proposte (fase 1 ed eventuale fase 2) deve avvenire mediante il Sistema elettronico predisposto dall’Imi “Sofia”: Submission of information application”.

Sito web: http://www.imi.europa.eu/content/verview-imis-calls-how-participate. Il Gruppo dei rappresentanti (Srg) è un gruppo consultivo all’interno dell’iniziativa tecnologica comune “Imi 2 Ju” ed è composto da rappresentanti degli Stati membri e dai Paesi associati al programma quadro di ricerca. Il Presidente del Srg è Marta Gómez Quintanilla (Spagna), vicepresidente Gunnar Sandberg (Svezia). Il punto di contatto italiano è il seguente: Istituto nazionale delle ricerche - Campus “A. Buzzati-Traverso” IT-00016 Monterotondo (Roma) Email: gruberti @ ibc.cnr.it

© Riproduzione riservata