Norme & Tributi

È reato se il tappo di spumante finisce in un occhio

La sentenza

È reato se il tappo di spumante finisce in un occhio

(Marka)
(Marka)

È reato di lesioni colpose per il soggetto che stappa lo spumante senza prestare la dovuta attenzione e il tappo colpisca l'occhio di un soggetto vicino.

Sembra un principio lapalissiano ma la Corte di cassazione con la sentenza 32548 depositata ieri si è occupata dell’argomento. Il titolare di un ristorante nel 2009 aveva colpito una signora a un occhio ed era stato condannato ai sensi dell’articolo 590 del codice penale.

La Cassazione letto il ricorso e ha risposto che venivano avanzate solo questioni di merito. Ricordando in particolare che compito della Corte di cassazione non è quello di ripetere l’esperienza conoscitiva del Giudice di merito bensì quello di verificare se il ricorrente sia riuscito a dimostrare, in sede di legittimità, l’incompiutezza strutturale della motivazione della Corte di merito. E così non è stato.

Per cui il ricorso è stato respinto e il costo del tappo maldestramente stappato è ulteriormente lievitato con il pagamento delle spese processuali.

© Riproduzione riservata