Norme & Tributi

Il tax day di sdoppia: pagamenti il 16 e il 30 giugno

decreto fiscale

Il tax day di sdoppia: pagamenti il 16 e il 30 giugno

  • – di Redazione

Abolizione del tax day o sdoppiamento del tax day? La domanda è lecita, viste le date ravvicinate introdotte dal decreto legge fiscale. Il provvedimento ha eliminato la scadenza unica del 16 giugno che concentrava il pagamento dell’Imu e della Tasi con quello delle imposte e dei contributi calcolati nella dichiarazione dei redditi e Irap. Ma l’eliminazione del tax day altro non è che una scissione dei temini per i versamenti: dal prossimo anno, infatti, le prime rate delle due imposte comunali continueranno a essere versate il 16 giugno, mentre le prime rate degli acconti e i saldi delle altre imposte e contributi dovranno essere pagati entro il 30 giugno.

La vicinanza delle due date non alleggerisce di molto il lavoro dei professionisti e non permette ai contribuenti un esborso dilazionato nel tempo, visto che si tratta di pagare le varie imposte nell’arco di due settimane.

Il decreto fiscale non cambia solo le regole per il tax day ma modifica anche altri adempimenti: dal 2017 non ci sarà più la dichiarazione unificata; lo spesometro annuale sarà sostituito dalla comunicazione trimestrale; debutterà la comunicazione trimestrale dei dati delle liquidazioni periodiche Iva e cambiano le scadenze per la trasmissione del modello 730. Qui è possibile consultare tutte le novità del calendario fiscale, a cui è dedicata la seconda puntata della guida al decreto pubblicata sul Sole24Ore di oggi.

© Riproduzione riservata