Norme & Tributi

Bilanci e Fisco, guida pratica al Milleproroghe

IL DECRETO Approvato

Bilanci e Fisco, guida pratica al Milleproroghe

Il Milleproroghe è legge dello Stato. L’Aula di Montecitorio con 249 voti favorevoli, 147 contrari e tre astenuti ha approvato definitivamente il decreto omnibus di fine anno. Decreto che quest’anno andrà in archivio anche come il decreto sui tassisti, sugli ambulanti e da ultimo sullo stop alle piattaforme digitali per le corse interregionali dei Bus (si veda a pagina 8). Le auto bianche scese in piazza a inizio settimana protestano contro il rinvio a fine 2017 del termine per l’emanazione delle norme “anti-Uber” e contro lo stop alla territorialità del servizio di noleggio con conducente. Prima di loro a scendere in piazza erano stati gli ambulanti che hanno ottenuto il rinvio al 2018 dell’applicazione della direttiva Bolkenstain che prevede l’indizione delle gare per l’assegnazione delle licenze ormai scadute.

Il Milleproroghe è però anche il decreto che differisce fino a giugno la cosiddetta “Dis-coll”, l’indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi e, sulle pensioni, blocca la restituzione dello 0,1% dell’inflazione calcolata sul 2015 da parte dei pensionati. Fino al 3 dicembre 2017, poi, ci sarà

tempo per l’adeguamento alle regole antincendio per alberghi con più di 25 posti letto, nonché per la messa a norma di scuole e asili. Più tempo anche per il regime fiscale agevolato per il rientro dei cervelli dall’estero. Per i lavoratori che non l’hanno già utilizzato, slitta al 30 aprile 2017 il termine per accedere al regime agevolato per i “cervelli” che rientrano: solo il 70% dell’intero reddito sarà soggetto a tassazione. Slitta al 1° novembre, invece, l’avvio sperimentale della lotteria degli scontrini per gli acquisti con moneta elettronica. Il Dl è riuscito a sbloccare l’empasse tra Fisco e commercialisti sulle semplificazioni prevedendo la cadenza semestrale con soli due invii delle nuove comunicazioni delle fatture emesse e ricevute (la prima slitta da luglio al 16 settembre e la seconda passa a febbraio 2018), l’abolizione delle comunicazioni dei beni ai soci così come quella dell’obbligo di indicare in dichiarazione i contratti di affitto. A compensare le buone notizie ci pensa il ritorno inaspettato delle comunicazioni Intrastat con effetto immediato a far data dal giorno successivo alla pubblicazione della legge di conversione. Sempre in tema fisco si segnala la proroga a tutto il 2017 del bonus Irpef per chi acquista una casa di classe A o B, ossia della detrazione del 50% dell’importo corrisposto per il pagamento dell’Iva per l’acquisto di un immobile ad alta efficienza energetica. O ancora la miniproroga di 15 giorni per la dichiarazione Ires e irap che di fatto ha consentito al Governo di imbarcare sul decreto la tanto attesa norma sul riallineamento delle poste fiscali ai nuovi principi contabili nazionali.

© Riproduzione riservata