Norme & Tributi

Raee, proroga al 2018 per contatori, citofoni e alimentatori

rifiuti elettronici

Raee, proroga al 2018 per contatori, citofoni e alimentatori

(Fotolia)
(Fotolia)

Un rinvio fino al 1° gennaio 2018. È quello concesso dal Comitato di vigilanza e controllo alle imprese che trattano categorie di apparecchi elettrici ed elettronici accogliendo la richiesta di sospensiva avanzata dalla Federazione Anie. Slitta così di qualche mese l'applicazione del trattamento Raee per dispositivi come i contatori del gas elettronici, gli inverter, altri trasformatori e alimentatori, impianti di videosorveglianza, di sicurezza e controllo accessi, quelli di citofoni a e videocitofonia e i gruppi di continuità (Ups).

Per effetto della sospensiva parziale, con la nota del 77/2017 del 29 marzo, chi produce questi tipi di Raee oltre ai distributori e gli utilizzatori professionali vede slittare al nuovo anno l'applicazione che se immediata avrebbe creato nuovi oneri in capo alle aziende. «A fronte della indiscutibile autorevolezza della documentazione citata da Anie - spiega una nota - il Comitato ritiene di poter aderire alla richiesta di Anie di sospensiva parziale delle predette note manifestando il parere che, in considerazione delle necessarie attività di adeguamento delle tipologie di prodotto contatori del gas elettronici, inverter, altri trasformatori e alimentatori, impianti di videosorveglianza, di sicurezza e controllo accessi, di citofoni a e videocitofonia e gruppi di continuità (UPS), queste ultime possano essere ritenute rientranti nell'ambito di applicazione del Dlgs 49/2014 a partire dal l° gennaio 2018». «Siamo lieti che il Comitato abbia rivisto le sue posizioni – ha dichiarato Maria Antonietta Portaluri, direttore generale di Anie – andando incontro così alle esigenze delle imprese. Come fatto fino ad oggi, Anie supporterà tutte le aziende nelle necessarie attività di adeguamento alla normativa fino alla già definita apertura dello scopo a tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche, prevista il 15 agosto 2018».

© Riproduzione riservata