Norme & Tributi

Ticket, mutui e colf: la carica dei 102 miliardi di sconti nella…

I DATI GIÀ PRESENTI NEL 730

Ticket, mutui e colf: la carica dei 102 miliardi di sconti nella precompilata

La precompilata 2017 cerca la prova di affidabilità. E aumenta in modo sostanziale il numero degli sconti fiscali. Ticket, spese sanitarie, farmaci da banco ma anche visite specialistiche: quest’anno ci sono 690 milioni di dati (oltre un terzo in più) da cui “pescare” la detrazione del 19% (oltre la soglia di spesa di 129,11 euro). Nel complesso si parla di 29 miliardi di valore solo per questo tipo di oneri, che quindi sono a ben riguardo gli azionisti di maggioranza del 730 e del modello Redditi precompilato del 2017. Sommando gli oltre 825 milioni di dati arrivati dai cosiddetti «enti terzi» (dentro questa definizione c’è un perimetro che ogni anno si va estendendo: dalle banche alle assicurazioni, dalle università agli amministratori di condominio) l’agenzia delle Entrate stima complessivamente 102 miliardi di sconti.

Oltre le spese mediche c’è di più

Se si guarda il numero dei dati inviati, dopo quelli relativi alle spese mediche ci sono i quasi 94 milioni di informazioni inviate dalle compagnie per i contratti e premi assicurativi per un controvalore di quasi 2,8 miliardi.

Il peso specifico della casa
Ma, letto dalla controluce della precompilata, il vero amore degli italiani si rivela la casa o comunque gli immobili. Oltre 41 miliardi di sconti. Un risultato che si ottiene sommando i 10 miliardi relativi agli interessi passivi per i mutui e la quota molto più corposa di agevolazioni che premiano ristrutturazioni, acquisto di mobili ed elettrodomestici “connessi” e il risparmio energetico. A i dati forniti dalle banche sui bonifici per i bonus si soammano anche le oltre 5,6 milioni di comunicazioni pervenute da oltre 32mila amministratori di condominio per i lavori di ristrutturazione su parti comuni dell’edificio e che valgono complessivamente 3,8 miliardi.

Colf e spese funebri
Tra le voci indicate ci sono anche le detrazioni per le spese funebri e i bonus per i lavoratori domestici. In questo caso si tratta di 3,3 milioni di informazioni pervenute ai database del Fisco.

Mentre tra i nuovi arrivi 2017 si segnalano i rimborsi per le tasse di iscrizione universitarie che sono state comunicate dagli enti di diritto allo studio.

Ok della Privacy sulle modalità di accesso

E venerdì il direttore dell’agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, ha firmato il provvedimento che detta le regole per l’accesso alla precompilata da parte dei cittadini e degli intermediari autorizzati, dopo l’ok del Garante Privacy.

Dal prossimo 18 aprile il modello sarà disponibile per tutti i cittadini che, nel 2016, hanno percepito redditi di lavoro dipendente e assimilati o redditi di pensione, a prescindere dal fatto che l’anno precedente abbiano presentato il 730. Eventuali modifiche, integrazioni e accettazioni «fai-da-te» saranno possibili dal 2 maggio al 24 luglio per il 730 e fino al 2 ottobre per il modello Redditi, che da quest’anno prende il posto di Unico.

Come si accede alla precompilata

Per visualizzare, accettare, modificare, integrare e inviare la propria dichiarazione precompilata è necessario essere in possesso delle credenziali d’accesso ai servizi online dell’agenzia delle Entrate, compreso il codice Pin.

Le credenziali possono essere richieste direttamente sul sito delle Entrate, presso gli uffici territoriali delle Entrate o mediante l’App dell’Agenzia. Inoltre, anche quest’anno, è prevista l’autenticazione anche attraverso il sito dell’Inps, per agevolare i cittadini che già dispongono del Pin dispositivo.

Ci sono poi la Carta nazionale dei servizi, lo Spid e le credenziali rilasciate dal Sistema Informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPa).

In alternativa all’accesso diretto, è possibile delegare il proprio sostituto d’imposta, se disponibile ad effettuare l’assistenza fiscale, un Caf o un professionista abilitato.

LA MAPPA DEGLI SCONTI
I bonus che saranno già presenti nella dichiarazione precompilata

© Riproduzione riservata