Norme & Tributi

Ecco a chi è andato il 5 per mille del 2015

dichiarazioni dei redditi

Ecco a chi è andato il 5 per mille del 2015

Olycom
Olycom

Airc, Emergency, e Medici senza frontiere sono le associazioni preferite dai contribuenti che hanno donato il proprio 5 per mille nel 2015. L’agenzia delle Entrate ha pubblicato gli elenchi degli ammessi al beneficio, da cui emergono le scelte degli italiani su volontariato, ricerca sanitaria e scientifica, associazioni sportive e Comuni. In tutto più di 46mila enti hanno ottenuto il 5 per mille dei contribuenti.

Per il settore del volontariato Emergency è ancora in vetta, con quasi 380mila scelteespresse: in totale l’associazione fondata da Gino Stradaincassa 13,4milioni di euro. Medici senza frontiere è stata l’associazione destinataria dei 5 per mille di 247milacontribuenti che le ha fruttato più di 10 milioni di euro. Al terzo posto l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, con oltre 283mila sceltee un importo che supera gli 8,2milioni di euro.

L’Airc compare anche nelle classifiche degli enti impegnati nella ricerca sanitaria e degli enti che operano nel settore della ricerca scientifica: nel primo caso, sono 357mila le scelte espresse grazie alle quali il beneficio raggiunge i 16,5 milioni di euro. Per quanto riguarda invece la ricerca scientifica, sono più di 1 milione le scelte che premiano il lavoro dell’Associazione cui vanno più di 40 milioni di euro. In totale, considerando tutti i diversi settori, incluso quello del volontariato, i fondi destinati all’Airc sfiorano quindi i 65milioni di euro.

Tra gli enti che ottengono più fondi dal 5 per mille ci sono anche la Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro (10,5 milioni); lo Ieo, Istituto Europeo di oncologia (6,5 milioni); l’Unicef (6,1 milioni); la Ail, associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma (5,9 milioni); Save the children Italia (4,9 milioni) e la Lega del filo d’oro (4,8 milioni).

Gli elenchi di tutti gli enti ammessi al 5 per mille 2015 e i relativi contributi sono disponibili sul sito dell’agenzia delle Entrate.

© Riproduzione riservata