Norme & Tributi

Dall’aereo all’albergo, le tutele per chi prenota le vacanze su…

l’esperto risponde

Dall’aereo all’albergo, le tutele per chi prenota le vacanze su internet

Prenotare le vacanze online, muoversi in anticipo per risparmiare, agganciare l'offerta imperdibile, organizzarsi e… dover rinunciare, magari all'ultimo momento. Che fine fanno le somme già versate? È possibile recuperarle, anche in parte, se qualche inconveniente piombasse come un fulmine a ciel sereno sui nostri programmi di viaggio?

Le garanzie – come spiega l’Esperto risponde (oggi in edicola insieme al quotidiano) – dipendono dal tipo di portale al quale ci si rivolge.

Un conto è ricorrere a un’agenzia o un tour operator, un altro affidarsi ai cosiddetti “siti-vetrina” che consentono sì di prenotare trasporti e alloggi, ma in realtà svolgono la semplice funzione di motori di ricerca.
Nel primo caso, il pacchetto turistico (ad esempio, volo + hotel) è tutelato da specifiche norme di legge (Codice del turismo, Dlgs 79/2011), a prescindere dal fatto che il contratto sia firmato in sede “fisica” o via internet. E pur se il recesso può essere escluso per gli acquisti online, restano comunque una serie di coperture ad hoc, che consentono il rimborso nelle ipotesi di modifiche agli accordi originari, aumenti del prezzo pattuito, viaggi che non corrispondono a quelli promessi o diventano impraticabili a causa di crisi internazionali.

Quando la vacanza viene invece “combinata” sui siti di prenotazione online (anche quelli più noti), non c’è un ombrello complessivo. Perché questi portali fanno solo da “vetrina” per servizi offerti da altri (alberghi, compagnie aeree, eccetera), senza alcuna responsabilità diretta del gestore.

Così, il booking della classica combinazione volo + hotel prevede l’intermediazione di due distinti servizi turistici e impone di valutare in maniera separata le rispettive clausole contrattuali, oltre le normative di settore. Considerando che le prenotazioni alberghiere si dividono in “rafforzate” o “semplici”, a seconda che richiedano o meno caparre e dati della carta di credito. E che i biglietti aerei scontati precludono il rimborso per il mancato utilizzo, e generalmente non consentono di modificare la data di partenza (neppure pagando un sovrapprezzo).

© Riproduzione riservata