Norme & Tributi

A settembre e ottobre assunzioni in crescita di 50mila unità

analisi dei consulenti del lavoro

A settembre e ottobre assunzioni in crescita di 50mila unità

(Fotolia)
(Fotolia)

Potrebbe ammontare a 775mila il numero delle assunzioni effettuate in Italia nei prossimi mesi di settembre e ottobre, 50mila in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A dirlo è il nuovo rapporto curato dall'Osservatorio statistico dei consulenti del lavoro, intitolato “Le opportunità occupazionali dopo il periodo estivo”. L’analisi si basa sui dati dell'ultimo triennio 2014-2016, in cui si è assistito ad una significativa ripresa della domanda di lavoro, un miglioramento che secondo i professionisti è frutto della ripresa delle attività produttive e della riapertura delle scuole, ma pure di un contesto economico certamente migliore rispetto all’anno precedente anche se ancora molto lontano dai livelli pre-crisi.

Secondo il rapporto sono settembre e gennaio i due mesi in cui, in Italia, le imprese assumono il maggior numero di lavoratori. Negli ultimi tre anni nei mesi di settembre ed ottobre si sono svolte in media più del 21% delle assunzioni annuali, circa 725mila assunti, senza considerare la quota del lavoro in somministrazione. Il settore privato, in particolare , negli ultimi tre anni ha fatto registrare fra settembre e ottobre l’assunzione in media ogni anno di 400mila unità di lavoro. La domanda si è rivolta in particolare ai giovani fra i 25 e 34 anni (31%) con prevalenza maschile (61%) rispetto alla femminile (39%): una tendenza che dovrebbe essere confermata il prossimo mese di settembre, con possibili ed interessanti margini di miglioramento.

L’aumento del Pil previsto per il 2017 rispetto ai due anni precedenti (1,4 % rispetto allo 0,9 % del 2016 ed allo 0,8% del 2015) permette, infatti, di considerare una crescita delle assunzioni nel settore privato nei mesi di settembre ed ottobre di circa 50mila unità, che passeranno quindi dai 400mila dello scorso anno ai 450mila di quest'anno, a cui va aggiunta anche la crescita stimata del lavoro in somministrazione. Il totale previsto quindi di assunzioni nei mesi di settembre ed ottobre, considerando sia il pubblico che il privato, potrà essere quindi superiore alle 775mila assunzioni.

Le figure professionali più richieste da settembre dovrebbero essere quelle qualificate, come dipendenti nelle attività commerciali e nei servizi, gli artigiani e gli operai specializzati, le professioni esecutive di ufficio e i conduttori di impianti, di macchinari e di veicoli. Questo insieme di professioni rappresenta i due terzi del totale delle unità di lavoro che saranno assunte nei prossimi due mesi, con una netta prevalenza di personale molto giovane (50 mila fino ai 24 anni) e giovane (79 mila fra i 25 e i 34 anni).

© Riproduzione riservata