Norme & Tributi

L’Ocse aggiorna le linee guida Beps

lott a all’evasione

L’Ocse aggiorna le linee guida Beps

La struttura dell’Ocse sul Beps (Base erosion and profit shifting) ha pubblicato oggi due aggiornamenti delle linee guida sull'attuazione e sul funzionamento del reporting paese per paese (azione 13).

Gli aggiornamenti affrontano le problematiche legate alla definizione dei ricavi, al trattamento delle multinazionali con periodo contabile breve e al trattamento dell'importo dell'imposta sul reddito maturato rispetto all'imposta sul reddito versata.

L’aggiornamento fa anche il punto sull’uso appropriato delle informazioni contenute nei rapporti paese per paese. Ciò include orientamenti sul significato di “uso appropriato”, le conseguenze della mancata conformità con le condizioni di utilizzo appropriate e gli approcci che possono essere utilizzati dalle amministrazioni fiscali per garantire l'utilizzo appropriato delle informazioni.

Il Beps Action 13 (dedicato alla documentazione sui prezzi di trasferimento e al reporting paese per paese) fornisce alle imprese multinazionali un modello per comunicare ogni anno e per ogni giurisdizione fiscale in cui operano una serie di informazioni. Questo rapporto è denominato CbC reporting (Rapporto Paese per Paese).

Per facilitare l'attuazione dello standard CbC Reporting, il rapporto BEPS Action 13 include un pacchetto di implementazione dei rapporti CbC che consiste in

- un modello di legislazione che potrebbe essere utilizzato dai paesi per richiedere alla multinazionale di presentare il rapporto CbC nella sua giurisdizione di residenza, inclusi i requisiti di archiviazione di riserva e

- tre modelli di accordo di autorità competente che potrebbero essere utilizzati per facilitare l'implementazione dello scambio di rapporti CbC, rispettivamente sulla base di una convenzione multilaterale sull'assistenza amministrativa in materia fiscale; convenzioni fiscali bilaterali; e contratti di scambio di informazioni fiscali (TIEAs).

© Riproduzione riservata