Norme & Tributi

Enti bilaterali, dalle Entrate due causali per il versamento dei contributi

risoluzioni 116/E e 117/E

Enti bilaterali, dalle Entrate due causali per il versamento dei contributi

Al via due nuove causali per il versamento dei contributi agli enti bilaterali. Lo ha annunciato oggi l’agenzia delle Entrate con due risoluzioni (116/E e 117/E).

La prima istituisce la causale contributo ELAV per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi da destinare al finanziamento dell'Ente Bilaterale dei Lavoratori “E.LAV.”. Il versamento con queste modalità è prevista dalla convenzione del 18 giugno 2008 e successivi rinnovi, stipulata tra l'agenzia delle Entrate e l'Inps, che ha regolato il servizio di riscossione, mediante il modello F24, per il versamento dei contributi di spettanza dell'Istituto, nonché di quelli previsti dalla legge 4 giugno 1973, n. 311.
In sede di compilazione del modello di pagamento F24, la causale ELAV è esposta nella sezione “INPS”, nel campo “causale contributo”, in corrispondenza, esclusivamente, della colonna “importi a debito versati”, indicando:
- nel campo “codice sede”, il codice della sede Inps competente;
- nel campo “matricola INPS/codice INPS/filiale azienda”, la matricola Inps dell'azienda;
- nel campo “periodo di riferimento”, nella colonna “da mm/aaaa”, il mese e l'anno di riscossione del contributo, nel formato “MM/AAAA”. La colonna “a mm/aaaa” non deve essere valorizzata.

La seconda risoluzione istituisce invece la causale contributo EBCD per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi da destinare al finanziamento dell'Ente Bilaterale Nazionale Confederale E.BI.N.CONF.”. La convenzione di riferimento è la stessa di cui alla risoluzione precedente. In sede di compilazione del modello di pagamento F24, la causale EBCD è esposta nella sezione “INPS”, nel campo “causale contributo”, in corrispondenza, esclusivamente, della colonna “importi a debito versati”, indicando:
- nel campo “codice sede”, il codice della sede INPS competente;
- nel campo “matricola INPS/codice INPS/filiale azienda”, la matricola Inps dell'azienda;
- nel campo “periodo di riferimento”, nella colonna “da mm/aaaa”, il mese e l'anno di riscossione del contributo, nel formato “MM/AAAA”. La colonna “a mm/aaaa” non deve essere valorizzata.

© Riproduzione riservata