Norme & Tributi

Pa, 1.500 richieste accesso a dati pubblici

ministero

Pa, 1.500 richieste accesso a dati pubblici

  • – diredazione Norme

Sono quasi 1.500 le domande di accesso a documenti e dati pubblici arrivate dai cittadini, attraverso il ricorso al Freedom of information act italiano
(Foia) previsto dalla riforma Madia, per cui chiunque, senza dovere dare spiegazioni, può chiedere informazioni in possesso alla Pa.

Secondo quanto emerge dal monitoraggio condotto da ministero della Pa, in collaborazione col Formez, sono state infatti raccolte tra gennaio e giugno, 498 istanze ai ministeri, tra cui svettano il Mef (83), la presidenza del Consiglio dei ministri (65) e il Viminale (54).

L'indagine della Funzione pubblica si estende anche a un campione di 132 amministrazioni locali, per le quali si sono rilevate 948 richieste (nei primi cinque mesi dell'anno). In tutto quindi si contano 1.446 domande di accesso (il Foia è attivo praticamente dalla fine dello scorso anno).

Inoltre “sia per i ministeri che per gli enti locali la quasi totalità delle istanze Foia (rispettivamente 94% e 95,4%) viene evasa entro 30 giorni”, come stabilito dalla legge, sottolinea il ministero in una nota pubblicata sul sito del ministero.

In generale, secondo palazzo Vidoni, “l'uso del Foia cresce tra i cittadini: +21% rispetto al trimestre precedente” e “si velocizza anche la risposta delle amministrazioni: +46%”.

© Riproduzione riservata