Norme & Tributi

L’Esperto risponde: condominio, il vicino di casa non…

  • Abbonati
  • Accedi
IL QUESITO DEL lunedÌ

L’Esperto risponde: condominio, il vicino di casa non può impedire le fioriere sul balcone

Il quesito.Vorrei sistemare sul mio terrazzo alcuni grigliati, alti circa due metri e con fioriere (quindi mobili), per avere un po' di privacy. Gradirei sapere a che distanza dalla proprietà del vicino dovrei collocarli, considerando il fatto che ciò limiterebbe la sua veduta di panorama. Vorrei inoltre sapere se dovrei ottenere delle autorizzazioni dal Comune. P.B. - Genova

La risposta. I grigliati di cui parla il lettore non costituiscono una «costruzione», in base all'articolo 873 del Codice civile, in tema di distanze. D'altra parte, se negli atti di acquisto (rogiti) non c’è quella che tecnicamente si definisce una servitù attiva di panorama, il vicino non può impedire l’installazione dei manufatti (articoli da 900 a 907 del Codice).
Al massimo, il vicino potrebbe avviare un’azione di danni, in base all’articolo 1122, secondo cui «nell’unità immobiliare di sua proprietà ovvero nelle parti normalmente destinate all’uso comune, che siano state attribuite in proprietà esclusiva o destinate all'uso individuale, il condomino non può eseguire opere che rechino danno alle parti comuni ovvero determinino pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico dell'edificio. In ogni caso è data preventiva notizia all’amministratore che ne riferisce all’assemblea». I danni dovrebbero comunque essere provati da chi lamenta di averli subiti.

Il quesito è tratto dall’inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 20 novembre.

Clicca quiper consultare i quesiti e i pareri degli autori nell’archivio dell’Esperto risponde.

Non trovi la risposta al tuo caso? Clicca qui per inviare una nuova domanda agli esperti.

Se stai leggendo questo articolo da un dispositivo mobile, collegati al sito www.ilsole24ore.com/espertorisponde

© Riproduzione riservata