Norme & Tributi

7/12 Gli altri requisiti per l'accesso al beneficio

  • Abbonati
  • Accedi
    OPERATIVO DAL 1° dicembre 2017

    ReI: come funziona e chi ha diritto al nuovo contributo anti-povertà

    Il Reddito di Inclusione (Rei), destinato a sostituire progressivamente il Sostegno all'Inclusione attiva (Sia) e l'assegno di disoccupazione (Asdi), è la nuova misura unica nazionale e a carattere universale per il contrasto della povertà e dell'esclusione sociale che sarà operativa dal 1° dicembre 2017. In vista dell'appuntamento, l'Inps ha appena diffuso una circolare sulle modalità di accesso al beneficio, per il quale la legge di Bilancio all'esame del Parlamento prevede uno stanziamento di due miliardi di euro. Vediamo come funziona questo strumento anti-povertà.

    7/12 Gli altri requisiti per l'accesso al beneficio

    Il Rei è compatibile con un'attività lavorativa (fermi restando i requisiti economici) ma non con di ammortizzatori sociali per la disoccupazione involontaria. Per accedere al beneficio occorre infatti che nessun componente del nucleo familiare in difficoltà percepisca alcuna indennità mensile di disoccupazione anche sotto forma di Nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Inoltre, nessun componente deve possedere navi o imbarcazioni, oppure auto o moto immatricolate per la prima volta nei 24 mesi precedenti la domanda di ReI.

    © Riproduzione riservata