Norme & Tributi

Inps e Adepp litigano per 65 euro: il costo di una pratica di cumulo

pensioni

Inps e Adepp litigano per 65 euro: il costo di una pratica di cumulo

«Appare del tutto ingiustificato che debba essere l’Istituto previdenziale pubblico, finanziato con i costi dei contribuenti, a farsi carico di un costo che è, oggettivamente, di competenza di tutti gli Enti coinvolti nella procedura». È questa la risposta di Tito Boeri (nella foto), presidente Inps, ai comunicati con i quali nei giorni scorsi l’Adepp ha chiesto di sbloccare le procedure per il cumulo delle pensioni maturate in differenti gestioni (si veda Il Sole 24 Ore del 16 e del 17 marzo). Il braccio di ferro tra Inps e Adepp si gioca sul costo di gestione delle pratiche, che l'Inps quantifica in 65 euro a pensionato (da dividere tra gli enti interessati), un costo che per le Casse di previdenza dei professionisti non è dovuto, dato che è la legge ad imporre la gestione del cumulo all'Inps.

Boeri scrive una lettera aperta ai lavoratori delle casse professionali chiedendo a loro «di rivolgere un appello alle vostre Casse di appartenenza, chiamandole alla responsabilità e alla ragionevolezza, per raggiungere al più presto un accordo sul punto». E conclude: «Confido nella vostra collaborazione per sbloccare la Convenzione e consentire la pubblicazione della procedura online - peraltro già pronta - necessaria per completare la pratica. Noi siamo pronti a firmare la convenzione con qualsiasi Cassa che voglia riconoscere il proprio contributo per i costi di gestione».

L'Inps nelle settimane passate ha chiesto al ministero del Lavoro un parere che avallasse la sua richiesta di rimborso per spese di gestione. Parere che, a quanto risulta al Sole 24 Ore, non dirime la questione. Nella risposta - in base a quanto riferito da fonti interne al ministero - si dice che l'Inps può gestire la questione come ritiene più opportuno nel rispetto dei limiti di spesa posti all’istituto dalla legge di Bilancio. La norma che dà all’Inps il compito di erogare le pensioni cumulate dei professionisti non prevede che questo servizio debba essere pagato, e neppure lo esclude, la questione deve essere decisa tra le parti. La domanda andrebbe rivolta al legislativo e non al ministero vigilante degli enti di previdenza.

Insomma Casse e Inps si devono per forza mettere d’accordo, e mentre dura questo rimpallo le richieste di cumulo da parte dei professionisti si accumulano: all'Inps ne sono arrivale almeno 5mila e qualche centinaio alle Casse.

ENTRATE CONTRIBUTIVE
Classificazione in base al Decreto Legislativo. In milioni di euro (Fonte: VII Rapporto Adepp)
ISCRITTI ATTIVI
La hit parade dei costi
Le tasse medie (201/16) e massime (2017/18) negli atenei non statali

© Riproduzione riservata