Norme & Tributi

L’Esperto risponde: chi compra gli arredi con un prestito ha diritto…

  • Abbonati
  • Accedi
L’ESPERTO RISPONDE

L’Esperto risponde: chi compra gli arredi con un prestito ha diritto alla detrazione del 50%

(Agf creative)
(Agf creative)

Il quesito. Nel 2017 ho avviato su un immobile appena acquistato dei lavori di ristrutturazione che proseguiranno anche nel corso del 2018. Sempre nel 2017 ho acquistato alcuni mobili con carta di credito e altri, tra cui un frigorifero di classe A+++, mediante finanziamento di 25 rate, la prima delle quali mi è stata addebitata a gennaio 2018. Nel sottoscrivere il finanziamento, però, mi sono dimenticato di chiedere i documenti per il bonus mobili. È possibile riparare a tale dimenticanza? Vorrei anche sapere se posso fruire del bonus mobili sia per l'anno 2017 che per l'anno 2018 non essendo ancora terminata la ristrutturazione e avendo ancora mobili da acquistare. F.G - Ancona

La risposta. Per il 2017 il bonus mobili compete con riferimento al primo acquisto pagato con carta di credito, ma non anche per il frigorifero pagato a rate, a meno che il finanziamento non sia stato effettuato direttamente a favore del venditore che abbia inserito nelle ricevute di pagamento la richiesta del bonus mobili (articolo 16–bis del Tuir, Dpr 917/1986, e articolo 1, comma 3, lettera b, n. 1–4 della legge 27 dicembre 2017, n.205, di Bilancio per il 2018.

La detrazione del bonus mobili si applica sulla base delle spese pagate anche con finanziamento nel periodo di imposta. In particolare, il finanziamento dovrà essere erogato tramite bonifico intestato in nome e per conto del mutuatario al venditore dell'elettrodomestico o del mobile altrimenti i benefici non si applicano. La banca o finanziaria provvederà poi a fornire tutta la documentazione in capo al beneficiario della detrazione. In tal modo il pagamento avviene tutto in una volta, il recupero dell'importo detraibile è spalmato in 10 quote costanti in sede di dichiarazione dei redditi.

È invece irrilevante il fatto che il finanziamento venga restituito in un lasso temporale differente (circolare 7/E/2017). Se così non è stato fatto, è possibile, per le spese sostenute nel 2018 per arredi o elettrodomestici, fruire del bonus mobili fino al raggiungimento del limite massimo detraibile calcolato su base pluriennale di 10mila euro fermo restando che i lavori non devono essere stati avviati prima del 1°gennaio 2017.

Il quesito è tratto dal numero speciale dell’Esperto risponde dedicato ai quesiti sulle agevolazioni per la casa. Sui bonus casa è ancora disponibile online l’instant book del Sole 24 OreBonus casa

Clicca qui per consultare i quesiti e i pareri degli autori nell’archivio dell’Esperto risponde. Non trovi la risposta al tuo caso? Clicca qui per inviare una nuova domanda agli esperti.

Se stai leggendo questo articolo da un dispositivo mobile, collegati al sito www.ilsole24ore.com/espertorisponde

© Riproduzione riservata