Norme & Tributi

Il condomino «aggiusta-tutto» gratis? L’Esperto…

  • Abbonati
  • Accedi
il quesito del lunedì

Il condomino «aggiusta-tutto» gratis? L’Esperto risponde: può essere lavoro nero

Il quesito. Abito in un condominio di sei unità dove i proprietari, tutti d’accordo, hanno sempre effettuato a turno i seguenti lavori: pulizia delle scale (piano rialzato e primo piano), gestione dei rifiuti, pulizia del vetro della porta d’ingresso, taglio dell’erba del giardino. In passato abbiamo anche effettuato la verniciatura della cancellata e altri piccoli interventi. Un nuovo condomino sostiene adesso che tutto questo non è possibile: in caso di danni a terzi, l’assicurazione non risponderebbe. Posso proporre che per la pulizia delle scale, il taglio dell’erba e la pulizia dei vetri, dove non mi risulta ci sia una «effettuazione a regola d’arte», il nuovo condomino si avvalga, al suo turno, di un’apposita azienda che addebiterà solo a lui il dovuto?
F.F - Milano

La risposta. Lavorare gratuitamente per il proprio condominio può configurare l’ipotesi di impiego sommerso. In caso di incidente e/o infortunio del lavoratore “in nero” (tale figura ricoprirebbe il condomino che esegue la manutenzione «in modo del tutto gratuito per il condominio»), potrebbe intervenire l’Inail (a seguito di chiamata da parte dello stesso “lavoratore” o di un condomino), che appurerebbe il lavoro sommerso. Di conseguenza, verrebbe irrogata una sanzione amministrativa il cui importo può arrivare a circa 15mila euro. Alla sanzione dovrà aggiungersi anche il costo relativo alle spese per l’infortunio subìto dal lavoratore “in nero”.

Si consideri inoltre che l’Inail adotta il principio «dell’automaticità delle prestazioni» che consiste, appunto, nel diritto alle prestazioni economiche da parte dell’Istituto, anche se il lavoratore si trova in una situazione di “sommerso”. Dunque, in seguito, l’Inail si rivarrà sul condominio.

In una chiara ed evidente situazione di illegalità, i responsabili saranno pertanto tutti i condòmini (e anche l’eventuale amministratore) che avranno tollerato (se non, addirittura, proposto con conseguente placet del condominio) una situazione non regolare, che può comportare dei seri risvolti sia civili che penali.

Un’eventuale deliberazione che oneri il condomino che “legittimamente” non voglia eseguire di persona i citati lavori, a parere di chi scrive, potrebbe essere affetta da nullità per «illiceità dell’oggetto», in quanto contrastante con norme di legge.

Il quesito è tratto dal fascicolo dell’«Esperto risponde» in edicola con «Il Sole 24 Ore» di lunedì 30 aprile.

Consulta L’Esperto risponde per avere accesso a un archivio con oltre 200mila quesiti, con relativi pareri. Non trovi la risposta al tuo caso? Invia una nuova domanda agli esperti.

È disponibile la nuova app del Sole 24 Ore scaricabile gratuitamente da Apple Storeo Google Play

© Riproduzione riservata