House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

In aula l'ingorgo di mezza estate

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 25 luglio 2010 alle ore 08:00.

ROMA
Manovra economica, intercettazioni e i decreti legge energia e Tirrenia alla Camera. Riforma dell'università, il nuovo codice della strada e il decreto legge sulle missioni di pace al Senato. Senza considerare, poi, l'ipotesi di una seduta congiunta per arrivare entro il 31 luglio alla nomina dei membri laici del Csm. Per il Parlamento saranno due settimane intense quelle che precedono la pausa estiva. Ma non solo per deputati e senatori. A fare i conti con gli ingorghi legislativi di Palazzo Madama e Montecitorio sarà anche la presidenza della Repubblica: entro il 30 luglio dovrà essere promulgato e pubblicato in gazzetta il Dl n. 78 con la manovra correttiva (il Dl scade il 30). Ma nei prossimi giorni dal Senato potrebbe arrivare alla firma del Capo dello Stato anche il nuovo codice della strada che avrebbe già prenotato la gazzetta, proprio per il 30 luglio: l'intenzione del governo sarebbe, infatti, quella di far entrare in vigore alcune misure del nuovo codice già dal 31 luglio, giornata da "bollino nero" sulle strade d'Italia per il grande esodo estivo.
Non se la cava meglio neanche Palazzo Chigi che, oltre alle possibili nomine del nuovo ministro per lo Sviluppo Economico, già annunciata dal premier, e a quella da tempo rimasta all'ordine del giorno per il vertice della Consob, dovrà fare i conti con il decreto attuativo del federalismo fiscale sull'autonomia impositiva dei comuni. Ma per la messa a punto della nuova imposta unica sugli immobili, già ribattezzata "Municipale", e per la definizione della cedolare secca per gli immobili locati, la strada sembra essere ancora lunga. Come dichiarato dal ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, e dal collega della Semplificazione, Roberto Calderoli, i tecnici stanno ancora lavorando.
In attesa del secondo tassello del federalismo, il governo si appresta ad incassare il via libera definitivo alla manovra economica 2011-2012. Dopo l'ok della commissione Bilancio della Camera, il Dl n. 78, così come modificato dal Senato, approda domani alle 11 in aula. Per la mattinata di martedì è previsto il voto sulle pregiudiziali e a quel punto il governo potrebbe porre la fiducia. Il voto sulla fiducia scatterebbe nelle 24 ore successive e per giovedì prossimo arriverà l'atteso via libera sull'intero provvedimento. La manovra, così come è stato in Commissione bilancio, è di fatto blindata. Il solo spazio possibile è quello degli ordini del giorno che, dopo il voto di fiducia, saranno esaminati in aula prima del voto definitivo.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Camera dei deputati | Consob | Csm | Giulio Tremonti | Industria | Italia | Normativa sui trasporti | Palazzo Madama | PDL | Roberto Calderoli | Senato

 

La manovra farà spazio in Aula al Ddl sulle intercettazioni, modificato in commissione Giustizia dallo stesso governo, rendendo pubblicabili le intercettazioni rilevanti ai fini di un procedimento. Non solo. In Commissione sono state attenuate le sanzioni per gli editori, concesse proroghe più lunghe per le intercettazioni e si è tornati al concetto di "privata dimora" che consente di piazzare le "cimici" anche in auto. Come chiesto dall'opposizione è stato indicato il termine perentorio di 45 giorni entro cui fissare l'udienza filtro. È saltata poi la norma che introduceva un privilegio per i parlamentari stabilendo l'autorizzazione della camera di appartenenza in caso di ascolti indiretti (ossia quando sono intercettate utenze di terzi in contatto con un deputato o un senatore).
Tempi strettissimi per tre decreti legge in scadenza nella prima settimana di settembre, ma di fatto con le Camere ancora in vacanza. Il Senato in settimana ha spedito a Montecitorio il Dl in materia di energia, che contiene anche la contrastata norma, approvata a maggioranza in commissione Industria, che sancisce la compatibilità tra la carica di presidente dell'Agenzia per la sicurezza nucleare ed il mandato parlamentare.
Il Senato ha inviato alla Camera anche il decreto legge sulla Tirrenia su cui si è imbarcato, vestendo i panni dell'emendamento in aula, il Dl sui costi minimi per l'autotrasporto. Una vera e propria riforma del settore che, al suo secondo blitz (il primo naufragato all'ultimo istante con il maximendamento alla manovra correttiva), potrebbe ora ottenere il via libera nella prima settimana di agosto.
La navetta in senso inverso, ovvero dalla Camera al Senato, l'ha compiuta il Dl sulle missioni di pace su cui Palazzo Madama concentrerà le sue attenzioni nei prossimi giorni. L'Aula del Senato, infatti, è già "prenotata" da martedì dalla riforma dell'Università. Le intenzioni del relatore, Giuseppe Valditara (Pdl) sono quelle di chiudere e spedire il testo ai colleghi deputati già entro questa settimana. Ma anche se il testo è blindato ci sarà da fare i conti con i 437 emendamenti presentati (di cui un centinaio della maggioranza). Inoltre, secondo quanto decideranno martedì mattina i capigruppo del Senato, ci sarà da lasciare qualche ora di discussione dell'aula al nuovo codice della strada. Quanto meno per concedere alla commissione lavori pubblici di poter procedere al via libera definitivo del codice passando dalla sede redigente a quella deliberante.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
1
GIOVEDÌ IL VIA LIBERA ALLA MANOVRA
p È atteso per giovedì 29 luglio il via libera definitivo della Camera alla manovra da 25 miliardi di euro con la riforma delle pensioni, il blocco dei contratti nella Pa, il taglio alle regioni e agli enti locali, così come nel pacchetto fiscale il rilancio del redditometro, la tracciabilità dei pagamenti sopra i 5.000 euro e delle fatture sopra i 3.000
2
SUBITO DOPO SPAZIO ALLE INTERCETTAZIONI
pSubito dopo la manovra alla Camera dovrebbe toccare al Ddl intercettazioni. Diverse le novità introdotte in commissione Giustizia dallo stesso governo: sono state rese pubblicabili le intercettazioni rilevanti ai fini di un procedimento, attenuate le sanzioni per gli editori e ripristinato il concetto di "privata dimora" che consente di piazzare le "cimici" anche in auto
3
CODICE DELLA STRADA ALL'ESAME DEL SENATO
pIn attesa del sì del Senato è il nuovo codice della strada. Il governo vorrebbe pubblicarlo in Gazzetta prima del 31 luglio: giornata da "bollino nero" sulle strade. Alcune delle novità introdotte dal Ddl dovrebbero entrare in vigore subito come il tasso alcolemico zero per neopatentati (nei primi 3 anni di guida) e conducenti professionali

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da