House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

Occhetto, lo strappo mai ricucito su Gladio

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 agosto 2010 alle ore 08:04.

ROMA
Consulta. Csm. Magistrati. Politici di ogni colore. Sono solo alcuni dei "bersagli" contro cui Cossiga si è scagliato negli ultimi 20 anni. Ma di tutte le esternazioni dell'ex capo dello stato ce n'è una che fa sentire ancora oggi i suoi effetti: lo «zombie con i baffi» rivolto nel '90 all'allora segretario del Pds Achille Occhetto.
Una controprova l'ha fornita ieri lo stesso ex esponente pidiessino. Pur rivelando che il presidente emerito della Repubblica nel corso degli anni si è pentito di quell'affermazione, Occhetto ha parlato di «luci e ombre» nella vita politica di Cossiga. Il quale, da un lato, «fu forse l'unico segretario della Dc che nell'89 capì che il mondo era cambiato» ma, dall'altro, si lasciò andare a un «uso disinvolto delle istituzioni».
Alla base dello scontro con Occhetto c'era la richiesta di impeachment per le frasi di Cossiga su Gladio, avanzata dal Pds e successivamente formalizzata da 29 parlamentari dell'opposizione. Di quel gruppo facevano parte Nando Dalla Chiesa e Luciano Violante, che venne definito dall'ex presidente emerito della Repubblica un «piccolo Vyshinskiy» (dal nome del vecchio procuratore dell'Urss staliniana, ndr). Diversi i toni con cui i due hanno accolto la notizia della morte: il primo, figlio del generale dei carabinieri Carlo Alberto ucciso dalla mafia, ha dichiarato di non poter «dimenticare le tante malevolenze che espresse su mio padre»; il secondo l'ha definito «un uomo che non manteneva rancori e quindi era possibile anche essersi scontrati e poi rimanere amici».
Critici gli accenti giunti dalla sinistra radicale. Anziché scrivere lettere, ha attaccato Paolo Cento (sinistra e libertà), era meglio se Cossiga avesse lasciato «una specie di memoriale postumo per aiutarci a comprendere che cosa accadde il 12 maggio 1977, quando fu assassinata Giorgiana Masi e le ragioni di un uso spregiudicato delle squadre speciali che caratterizzò quegli anni».
Diviso si è presentato invece il popolo della rete. Ad esempio su facebook, a pagine in cui ricompare Kossiga con il K e si invita a non versare «alcuna lacrima per il picconatore», ne sono seguite altre di cordoglio per la scomparsa dell'ex senatore a vita. Senza mezzi termini infine il giudizio del sito vicino all'area antagonista di Indymedia Toscana: «È morto ma sue leggi speciali contro i movimenti vanno sconfitte».

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Achille Occhetto | Cossiga | Csm | Democrazia Cristiana | Giorgiana Masi | Gladio | Luciano Violante | Nando Dalla Chiesa | Paolo Cento | Partito Democratico della Sinistra | Politica

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Achille Occhetto Ex segretario Pds «Ha avuto luci e ombre: si è lasciato andare a un uso disinvolto delle istituzioni»
Paolo Cento Sinistra e libertà «Al posto delle lettere era meglio se avesse lasciato un memoriale su Giorgiana Masi»

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Fiat: i recessi non supereranno il limite, fusione con Chrysler va avanti

Non sussiste alcun rischio per «il tempestivo completamente della fusione entro alla metà del mese

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da