House Ad
House Ad
 

Notizie USA

Guadagni investiti nei laboratori

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 agosto 2010 alle ore 08:03.


LOS ANGELES
Sono le università in America a possedere generalmente la titolarità dei brevetti registrati da un loro ricercatore, una prassi stabilita negli atenei pubblici e privati sin dagli anni '20. I proventi, invece, vengono divisi tra l'università e l'inventore con formule che variano da ateneo ad ateneo ma che riflettono un principio riconosciuto universalmente nel paese: parte dei proventi vanno ad arricchire infatti il ricercatore, ma una parte ancor più consistente viene reinvestita nella ricerca.
Anzi, con il passare degli anni la percentuale devoluta all'inventore è scesa. Esemplare è il caso dell'University of California, i cui dieci campus (tra cui Berkeley, Los Angeles e San Diego) costituiscono il più grande centro pubblico di ricerca degli Stati Uniti, con un budget di 2,9 miliardi di dollari. L'adozione ufficiale di una formula di spartizione dei profitti derivanti da un brevetto sviluppato nel corso dell'attività di ricerca finanziata dall'università risale al 1963 e prevedeva una suddivisione al 50% meno il 15% per le spese amministrative; la percentuale devoluta al ricercatore è scesa nel corso degli ultimi cinquant'anni e oggi è pari al 35 per cento.
Analoga è la formula degli atenei privati, anche se alcuni hanno adottato nuovi e creativi espedienti per sfruttare a proprio vantaggio la commercializzazione delle invenzioni sfornate dai loro laboratori di ricerca. All'università di Stanford, fucina di cervelli e imprenditori high tech della Silicon Valley, l'ateneo in molti casi cede la titolarità del brevetto all'inventore in cambio di una partecipazione azionaria nella società da lui fondata. Il vantaggio per l'ateneo è palese nei casi eclatanti di straordinario successo di una tecnologia, basti pensare al caso Google. Stanford aveva ceduto a Larry Page e Sergei Brin il brevetto del loro algoritmo PageRank in cambio di una quota nell'azienda che oggi ha un valore di mercato di 150 miliardi di dollari.
Anche il governo americano ha deciso di esigere una partecipazione ai profitti derivanti da invenzioni fatte nel corso di progetti di ricerca universitari, ma finanziati da fondi statali provenienti generalmente dal ministero della Difesa o della Sanità. Nel 1980 la legge Bayh-Dole ha stabilito che l'università ha il diritto di mantenere la titolarità di un brevetto ma ha l'obbligo di commercializzare l'invenzione (o almeno tentarci) e di spartire i proventi non solo con l'inventore ma anche con il governo.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Larry Page | Marchi e brevetti | Ministero della Sanità | Sergei Brin | Stati Uniti d'America |

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da