House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

La scuola italiana frena la caduta e inizia a riprendersi (ma lentamente)

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 07 dicembre 2010 alle ore 14:58.

La perfomance degli studenti italiani resta sotto la media Ocse, ma rispetto al passato frena la caduta: arriva, infatti, una crescita lenta in lettura, ma anche in matematica e scienze: «Un risultato eccezionale», ha dichiarato il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, commentando l'ultimo rapporto Ocse-Pisa (Programme for international student assessment), sulle performance dei ragazzi nella lettura, in matematica e nelle scienze, presentato a Parigi.

In Italia i dati sono stati illustrati nella sede dell'Invalsi, a Frascati (Roma). «Migliori risultati nell'istruzione sono un forte segnale precursore di futura crescita economica», ha detto il segretario generale dell'Ocse Angel Gurria, mentre per il presidente dell'Invalsi, Piero Cipollone: «Stiamo convergendo verso l'alto, a testimonianza che se si lavora nelle scuole si può migliorare a prescindere dai tagli».

L'indagine è stata svolta nell'aprile 2009 e ha interessato 74 paesi (nel 2000, all'esordio di questa pubblicazione, i paesi erano 35), di cui 34 membri Ocse. Per l'Italia hanno partecipato 1.097 scuole e 30.905 studenti, 15enni scolarizzati.Tra le nazioni industrializzate, Corea e Finlandia sono ai primi posti, ma il top assoluto é della provincia di Shanghai in Cina. In più: le ragazze nella lettura (accesso, interpretazione e valutazione di testi) sono più brave dei ragazzi in media di circa 39 punti, equivalenti a un anno di scuola. E, in genere, i sistemi scolastici migliori, risultano quelli in cui gli studenti hanno buoni risultati indipendentemente dal background socio-economico e che i sistemi con le migliori performance sono quelli che tendono a dare priorità agli stipendi degli insegnanti rispetto alle dimensioni ridotte delle classi. Scuole pubbliche e private raggiungono risultati simili una volta che si tiene conto del background. Le scuole con una buona disciplina e migliori relazioni studenti-insegnanti raggiungono migliori risultati nella lettura. Tuttavia, la percentuale di studenti che dicono di leggere per piacere è calata dal 69% del 2000 al 64% del 2009.

Per quanto riguarda l'Italia, i nostri 15enni in lettura, sottolinea Laura Palmerio, ricercatrice dell'Invalsi, si piazzano in 29ma posizione, totalizzando un punteggio di 486, a fronte di una media Ocse di 493, con un divario di 7 punti. Lo scostamento nel 2000 era di 13 punti, nel 2004 di 18, nel 2006 era cresciuto fino a 23 punti. Anche questa edizione del rapporto conferma che le ragazze hanno raggiunto un risultato migliore rispetto ai maschi, con 46 punti in più. A livello regionale si riscontrano forti differenze con il Nord che supera la media Ocse (Nord-Ovest 511, Nord-Est 504) e il Sud e le isole che mostrano valori inferiori al punteggio nazionale (rispettivamente 468 e 456). Anche per quanto riguarda il tipo di scuola emergono decisi scostamenti con i licei a quota 541 e la formazione professionale che si attesta su un punteggio di 399. «Bisogna lavorare per diminuire la percentuale di studenti che risultano ancora sotto la sufficienza», ha evidenziato Elena Ugolini, del comitato direttivo Invalsi.

L’articolo continua sotto

Scuole in rosso: ecco gli escamotage per non chiudere

Scuole italiane sempre più in bolletta. Il 56,5%, dalle materne alle superiori, ha chiesto

Un diciottenne su due «fatica» con l'italiano

ROMA - Più della meta dei maturati 2009 doveva essere bocciato in italiano. «Un'amore», «ha

Comincia dalla quinta elementare l'Italia a due velocità nell'apprendimento

L'Italia a due velocità negli apprendimenti inizia dalla quinta elementare. Fino alla classe

Tags Correlati: Angel Gurria | Cina | Comitato direttivo | Elena Ugolini | Invalsi | Laura Palmerio | Mariastella Gelmini | Ocse | Piero Cipollone | Roma | Scuola e Università | Sud

 

Per la matematica il nostro Paese si piazza al 35mo posto, con un punteggio di 483 (496 la media Ocse). La distanza dunque è di 13 punti mentre nel 2006 lo scarto era di 36 punti e nel 2003 di 34. Nel Nord Italia si registrano tuttavia performance superiori alla media Ocse (507) mentre nel Sud e nelle isole il punteggio è inferiore rispetto a quello medio italiano .I primi posti nella graduatoria internazionale li conquistano Cina, Singapore e Hong Kong.

In Scienze - 35mo posto in classifica - il divario si è dimezzato rispetto al 2006. Il punteggio medio degli studenti italiani è di 489 contro una media Ocse di 501, con una distanza di 12 punti (25 nel 2006). Se i dati confermano i migliori esiti degli studenti settentrionali, emerge pure che in questa edizione dell'indagine sono gli studenti del Sud a far registrare gli incrementi maggiori. La Puglia, per esempio, segna un recupero che in matematica supera i 50 punti.

Test Pisa 2009 - guarda i risultati

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Fiat: i recessi non supereranno il limite, fusione con Chrysler va avanti

Non sussiste alcun rischio per «il tempestivo completamente della fusione entro alla metà del mese

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da