House Ad
House Ad
 

Notizie Italia

"Postribolo", storia di un vocabolo del XIV secolo tornato alla ribalta

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 25 gennaio 2011 alle ore 16:04.

Padre Lorenzo Rocci e gli altri verecondissimi e pudibondi studiosi che tra l'ultimo scorcio dell'Ottocento e la prima metà del Novecento si presero la briga di compilare vocabolari di latino o di greco antico, a uso anche degli adolescenti ginnasiali, si trovarono a mal partito davanti alla frequenza di lemmi pruriginosi presenti nelle lingue classiche. E allora per non turbare i giovani virgulti si affidarono a tradurre questi termini con parole nobilitate da un etimo antico e non certo ricorrenti nella lingua comune.

Per dare la versione italiana dei numerosi termini greci e latini che indicavano i luoghi in cui si svolgeva il "meretricio" – e cioè i luoghi in cui sotto la vigilanza di un "lenone" i clienti "avevano commercio" con le "cortigiane" – gli autori dei vocabolari, pur privilegiando la parola "lupanare", ricorrevano in seconda battuta alla parola "postribolo". Certo erano inutilizzabili "casino" e "bordello", allora volgarissimi, e pure da sconsigliarsi "casa di tolleranza" o "casa chiusa", troppo attualizzanti e, proprio perché più usati comunemente nel periodo pre-legge Merlin, troppo espliciti.

Intervenendo telefonicamente nel corso dell'"Infedele" di Gad Lerner, il premier Silvio Berlusconi, dopo aver utilizzato il vocabolo "turpe" e altre parole fané a lui non inconsuete (rimane memorabile l'uso dell'aggettivo "rivieraschi", in un faccia a faccia preelettorale con Romano Prodi), ha concluso la sua intemerata affermando che secondo lui la sua supporter Iva Zanicchi avrebbe dovuto alzarsi e andare via da quell'"incredibile postribolo televisivo". Postribolo!: un'altra parola da tempo condannata a rimanere in sonno sotto uno spesso strato di polvere linguistica. La ricomparsa di tale vocabolo sulle prime pagine di tutti i giornali ha incuriosito molti blogger. E Dagospia ha ironizzato sulla desuetudine dell'eloquio berlusconiano, scrivendo che il premier "finirà per interrompere anche il meteo di TeleTuscolo al grido di ‘Gaglioffi, mangiapane a tradimento, vili marrani!'".

Eppure se si ricorre all'etimo della parola postribolo, il suo uso da parte di Berlusconi sembra proprio adeguatissimo a quello che voleva esprimere. Postribolo viene dal latino prostibulum, parola che in origine indicava la prostituta e che in età tarda passò anche a indicare il luogo in cui le prostitute esercitavano. Passata in italiano attraverso un processo di metatesi, cioè un fenomeno di rimescolamento delle lettere interno a un vocabolo, la parola postribolo (le cui prime attestazioni nella volgar lingua risalgono al XIV secolo) ha un sapore diametralmente opposto a quello dell'espressione "casa chiusa". Infatti prostibulum viene da "pro" e "stare" cioè stare davanti, stare esposti, stare in vendita.

L’articolo continua sotto

Pronto? Berlusconi, Lerner e la protesta delle donne. Nella foto il conduttore della trasmissioine di La7, "L'Infedele" nel corso della telefonata in studio del premier (Italy Photo Press)

Pronto? La telefonata di Berlusconi a Lerner spopola sul web. Video

I più tempestivi sono gli spagnoli: l’intervento in diretta telefonica di Silvio Berlusconi nel

I pm vanno avanti: rito immediato

Sul caso Ruby i pm insistono: il premier si sottoponga al rito immediato

Il conto alla rovescia verso la richiesta di un processo-lampo per il premier Silvio Berlusconi è

Il Vaticano sul caso Ruby chiede più moralità e legalità (Ansa)

Sul caso Ruby Bertone chiede moralità e legalità. Napolitano invita a comportamenti più sobri

La Santa Sede condivide il «turbamento» espresso dal presidente della Repubblica per quanto

Berlusconi attacca Gad Lerner: siete un postribolo ripugnante

Radio 24 - IVA ZANICCHI: Sono rimasta per difenderlo (di Dario Ceccarelli)

"Gad Lerner è certamente un bravissimo giornalista però ieri ero a disagio perché fin dall'inizio,

Ruby, Iris, Nadia, Nicole e le altre

Ruby, Iris, Nadia, Nicole e le altre

Tags Correlati: Dagospia | Gad Lerner | Iva Zanicchi | Lorenzo Rocci | Romano Prodi | Silvio Berlusconi

 

L'accento è posto quindi sull'esibizione dell'offerta, sulla sua visibilità all'esterno. E quindi ben si comprende che l'esibizione televisiva è la frontiera estrema del porsi in mostra. E quindi, forse inconsapevolmente, il ricorso alla parola postribolo è perfettamente aderente a quanto si voleva affermare nella suddetta telefonata. Telefonata che ha scatenato un casino o un bordello mediatico, ma questa è un'altra storia.

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da