Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 15 giugno 2011 alle ore 13:39.

My24
Fiducia in arrivo sul decreto Sviluppo: le novità dalla tassa sull'alta velocità all'addio all'anatocismoFiducia in arrivo sul decreto Sviluppo: le novità dalla tassa sull'alta velocità all'addio all'anatocismo

Sbarca in aula, ma rallenta il passo il decreto Sviluppo sul quale il Governo si appresta a porre la fiducia. Il governo sembrerebbe intenzionato a rinviare l'apposizione della fiducia a lunedì della prossima settimana, lasciando oggi pomeriggio e domani per la discussione generale (iscritti una sessantina di deputati). Poi lunedì il governo porrebbe la questione di fiducia che, a quel punto, verrebbe votata dall'assemblea martedì. Nella stessa giornata ci sarebbe anche il voto finale sul provvedimento che deve passare al Senato. Ieri ha ricevuto il via libera a maggioranza un pacchetto di circa 130 emendamenti assemblati dai relatori Maurizio Fugatti (Lega) e Giuseppe Marinello (Pdl) e le commissioni Bilancio e Finanze hanno dato il mandato ai due relatori a riferirne in aula. Ecco le principali novità.

Nuovo correttivo sulla riscossione dei Comuni e sui mutui
Il relatore Giuseppe Marinello ha preannunciato in aula un «piccolo correttivo» sulla riscossione dei Comuni nella direzione di «dare certezza» alle società che hanno da poco vinto le gare. Anche sull'articolo 8 per la parte che riguarda i mutui bancari, Marinello ha preannunciato la possibilità di «ulteriori aggiustamenti per rafforzare le tutele dei cittadini».

Al Sud crediti d'imposta con fondi targati Ue
Sì al bonus per gli investimenti nel Sud del Paese. Le imprese che investono nel Mezzogiorno d'Italia otterranno un credito d'imposta finanziato dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale.

Arriva la tassa sull'alta velocità
Introdotta una tassa sull'alta velocità: è stato, infatti, introdotto un sovrapprezzo per tutti i gestori di trasporto ferroviario passeggeri sulle linee ferroviarie ad alta velocità che saranno destinate alla diminuzione del costo di accesso all'infrastruttura per i servizi di trasporto ferroviario di interesse nazionale oggetto di contratti di servizio pubblico.

Saltata la norma sulle spiagge
Soppresse le norme sui diritti di superficie ventennale sugli arenili demaniali. Sono stati, infatti, accolti, alcuni emendamenti soppressivi della norma che portava a 20 anni il diritto di superficie sulle spiagge. mentre ci sarà la possibilità di utilizzare i fondi strutturali Ue per finanziare il credito imposta per gli investimenti al Sud.

Addio all'anatocismo
Il recepimento di un emendamento targato Pd ha cancellato, come richiesto dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti, ogni forma di anatocismo degli interessi. Il Fisco, dunque, non applicherà più interessi su sanzioni pecuniarie tributarie e interesse per ritardata iscrizione.

Arriva un limite allo ius variandi delle banche
Arriva un limite allo ius variandi delle banche, cioè alla possibilità di modificare unilateralmente le condizioni dei contratti. Lo ius variandi varrà solo per i contratti futuri. Eventuali clausole sullo ius variandi in contratti di finanziamento di mutuo sottoscritti dalle imprese (esclusi consumatori e microimprese) devono essere «espressamente» approvate dal cliente e la modifica dei tassi di interesse può scattare solo al verificarsi di specifici eventi e condizioni, predeterminati nel contratto». Non vale, dunque, per i «contratti in corso» e eventuali «modifiche introdotte sui contratti in corso sono inefficaci».

Tempi più stretti per le decisioni dei giudici tributari
I giudici tributari che non decideranno entro 180 giorni dalla data di presentazione dell'istanza di sospensiva potranno essere rimossi in caso di recidiva. Lo sforamento dei tempi costituirà un illecito disciplinare che sarà valutato ai fini di un eventuale danno erariale.

Equitalia esclusa da accertamento e riscossione delle entrate di Comuni e società partecipate
Sul fronte fiscale fiscale Equitalia è stata esclusa dalle attività di accertamento e riscossione delle entrate di Comuni e società partecipate. Per quello che riguarda i servizi idrici è rimasta l'Agenzia che però avrà anche compiti di regolazione oltre che di vigilanza.

Salva la proprietà intellettuale per le aziende di design
Salva la proprietà intellettuale per le aziende di design. È stato infatti abrogato il contestato comma che rivedeva il codice della proprietà industriale sul design: prevedeva che la tutela del diritto d'autore sul design non si estendesse alle opere e ai complementi d'arredo realizzati prima del 2001.

Commenta la notizia