Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 30 giugno 2011 alle ore 10:42.

My24
Il Parlamento greco vota le misure di attuazione del piano sull'austerity (LaPresse)Il Parlamento greco vota le misure di attuazione del piano sull'austerity (LaPresse)

Ancora occhi puntati sul Parlamento greco, chiamato oggi a votare la legge d'attuazione del piano di austerità approvato ieri. I deputati saranno chiamati a esprimersi nel primo pomeriggio di oggi sulle misure decise dal Governo: aumenti fiscali, tagli della spesa, privatizzazioni e tagli nel settore pubblico. Complessivamente, la legge prevede 28,4 miliardi di tagli in quattro anni e 50 miliardi di privatizzazioni.

Una volta approvata anche la legge d'attuazione, Unione europea e Fondo monetario internazionale metteranno a disposizione di Atene la quinta tranche del prestito di 110 miliardi di euro garantito lo scorso anno. I ministri delle Finanze della zona euro hanno infatti messo in agenda un incontro per domenica prossima per dare il via libera al prestito, una volta incassato anche questo secondo voto, e cominciare a definire un nuovo piano di aiuti.

Parlamento verso voto unico
Il Parlamento di Atene sta valutando se votare solo una volta per appello nominale le norme di attuazione del piano di austerity. «Ci sarà probabilmente un unico voto per appello nominale sulla normativa di attuazione», ha affermato un funzionario del parlamento, aggiungendo però che una decisione non è stata ancora presa e che il voto è previsto intorno alle 13 di oggi.

In base alle regole parlamentari, la normativa di attuazione sarebbe votata articolo per articolo e con un voto semplice a voce. Tuttavia, due dei partiti di opposizione più piccoli - il Partito Comunista di Grecia e il La.Os. di estrema destra - hanno chiesto un voto per appello nominale. Dato il gran numero di articoli nella legislazione - 49 in tutto - il parlamento sta prendendo in considerazione di tenere invece un solo voto. «Il voto articolo per articolo richiederebbe troppo tempo» ha detto il funzionario. Tuttavia, il voto permetterà ai deputati di dichiarare il loro sostegno a singoli articoli della normativa, anche se voteranno contro la legge generale. In questo modo il principale partito d'opposizione, Nuova Democrazia, sosterrà alcune parti della legislazione - come quelle relative a privatizzazioni, riforme strutturali e tagli alla spesa - anche se voterà contro la legge generale.

Trichet: la Bce è consigliere, decidono i Governi
«Stiamo svolgendo un ruolo di consiglierì dei governi per evitare un default selettivo e un credit event» ma le decisioni restano di responsabilità dei governi». Lo ha detto il presidente Bce Jean-Claude Trichet in relazione al salvataggio della Grecia e al confronto sulla partecipazione dei privati. «Siamo in allerta, seguiamo quanto sta accadendo, le discussioni in corso e non posso dare giudizi precisi su ciò che sta accadendo».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi