Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 24 aprile 2012 alle ore 19:49.

My24

Un imprenditore di 53anni, Diego Peduto, si è ucciso lanciandosi nel vuoto dal balcone del suo appartamento in via Cilea, nel quartiere Vomero. Lunedì scorso l'imprenditore, che si accingeva a suicidarsi a Posillipo, era stato salvato dalla polizia. Peduto era un agente immobiliare: aveva espresso la sua angoscia per le cartelle di Equitalia dalle quali era gravato.

Sposato e padre di due figli
L' imprenditore, che era sposato e padre di due figli, di 9 e 24 anni, è precipitato dall' ottavo piano. All' arrivo dell' ambulanza del 118 per lui non c' era più niente da fare. In via Cilea, strada centrale del quartiere residenziale del Vomero, si è radunata una piccola folla visibilmente emozionata.

Il tentativo precedente
Lunedì pomeriggio l' uomo, che si era recato a San Sebastiano al Vesuvio, a fare la spesa in un supermercato discount insieme alla moglie era apparso molto agitato. Salutata la moglie, era rientrato a Napoli, recandosi in via Catullo, a Posillipo, una zona dove si recava spesso per lavoro. Qui aveva scavalcato la ringhiera di protezione e si era avvicinato ad uno strapiombo di 50 metri di altezza. La moglie, che aveva forse intuito le sue intenzioni, aveva avvertito la polizia, che lo aveva localizzato attraverso le celle della rete telefonica. Gli agenti lo hanno trovato con gli occhi chiusi ed il corpo semisospeso nel vuoto ed hanno svolto opera di dissuasione, ricordandogli la moglie ed i figli, poi lo hanno accompagnato in ospedale in ambulanza. Ma qui, l' imprenditore aveva rifiutato il ricovero ed era tornato a casa.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi