Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 novembre 2012 alle ore 16:50.
L'ultima modifica è del 06 novembre 2012 alle ore 14:23.

My24
(Ansa)(Ansa)

È stata una "esperienza umiliante" firmare il premio di produttività al livello massimo a tutti i direttori e i dirigenti del Ministero. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, nel corso di una audizione in commissione Lavoro del Senato.

Il ministro: «È una questione mortificante»
«Mi è stato detto - ha spiegato ai senatori - che quegli indicatori erano stati dati l'anno precedente e io li potevo solo ratificare e non decidere ex post. Ma - ha proseguito - ho chiesto al Ministro Patroni Griffi di intervenire perchè ci sia una presa di coscienza sul tema in tutti i Ministeri: non è possibile - ha affermato Fornero - che tutti siano ugualmente bravi e meritevoli al massimo dei premi». In questo modo, «non c'è selezione» ed è «mortificante per chi ci mette impegno e dedizione. Patroni Griffi - ha concluso - mi ha assicurato che sarebbe intervenuto».

A breve decreto sulla partecipazione
Tra i criteri per l'aumento della produttività, ha sottolineato, c'è per il Governo il «depotenziamento degli automatismi» compresa la «rinuncia» all'indicizzazione dei salari ai prezzi «in via automatica». Il ministro ha poi annunciato un decreto sulla partecipazione: il Governo ci sta lavorando, ha detto, il provvedimento sarà pronto «a breve». Fornero avrebbe voluto introdurre la partecipazione tra i criteri per l'aumento della produttività ma che questa proposta, ha ricordato il ministro, non ha generato grande entusiasmo.

Alla stampa estera: «Marchionne è un bravo manager»
Marchionne? «È un bravo manager. Ha preso un'impresa in grande difficoltà e le ha dato un futuro». Lo ha affermato il ministro del Lavoro Elsa Fornero, che - prima dell'audizione al Senato - ha incontrato la stampa estera. La "cerimonia" è stata "off limits" per i giornalisti italiani. Ai cronisti che chiedevano di ascoltare il ministro un rappresentante della stampa estera ha spiegato che l'incontro é riservato alle testate internazionali.

Fornero su Marchionne: contenta se lo avessi come alleato
«Prendo atto - ha aggiunto Fornero, riferendosi a Marchionne - delle sue parole: che Fiat ha un futuro anche nel nostro Paese». Un manager, ha aggiunto, che pensa che questo governo «sta facendo cose giuste», dal quale «non ho mai sentito critiche aspre e superficiali, come da altri. Sarei contenta di averlo come alleato - ha concluso il ministro - lo dico da italiana».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi