Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 03 dicembre 2012 alle ore 14:08.

My24
Circumvesuviana ferroviaria (Olycom)Circumvesuviana ferroviaria (Olycom)

Peggiora di giorno in giorno la situazione dei trasporti in Campania. Questa mattina fermi i convogli di Cumana e Circumflegrea (con 60 mila utenti al giorno), perchè tutti i dipendenti del primo turno sono in malattia. La Sepsa, azienda che gestisce le due linee, non ha ancora pagato gli stipendi del mese scorso. Le malattie di massa si verificano spesso negli ultimi tempi.

Stessa situazione per i dipendenti della Circumvesuviana e MetroCampania NordEst, controllate da Eav, la holding regionale dei trasporti, già alle prese con il fallimento di Eavbus (controllata che si occupa del trasporto su gomma). Una nota dell'Orsa ha poi precisato relativamente ai disservizi di Circumvesuviana che «stamattina, dopo le ore 8, il servizio ferroviario è stato interrotto, non in seguito ad agitazioni del personale o a scioperi più o meno occulti, ma perché, come dice il Dirigente Regolatore, non c'erano treni atti a circolare».

Infine, anche l'Anm ha comunicato che il servizio viene assicurato con 250 autobus in meno, pertanto numerose linee risultano sospese o ridotte a causa di un susseguirsi di carenze e guasti alle vetture, la cui manutenzione è sempre più difficile a causa della mancanza di risorse economiche. Al momento non è prevedibile il potenziamento del parco bus, in servizio ne restano meno di 350 (ma ne servirebbero cento in più).

Insomma, la mobilità in Campania è al fallimento. Le aziende di trasporto su gomma e su ferro sono al collasso, tanto da aver ridotto il servizio anche oltre il 51% rispetto agli anni precedenti, e si calcolano all'incirca 130 milioni di disavanzo complessivo. I posti di lavoro immediatamente a rischio sono già oltre 2mila. Ma potrebbero essercene molti altri. Da inizio anno sono fallite due società – Acms di Caserta ed Eav Bus (Napoli) – e per una terza – la Cstp di Salerno – è in corso una procedura di liquidazione. Ma la crisi è generale: in totale oltre un milione di utenti del trasporto pubblico ogni giorno subisce disservizi da terzo mondo.

Commenta la notizia