Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 dicembre 2012 alle ore 16:37.

My24
Fondi strutturali Ue, il ministro Barca: 5,7 miliardi contro la crisiFondi strutturali Ue, il ministro Barca: 5,7 miliardi contro la crisi

Parte la terza riprogrammazione del Piano di Azione e coesione disegnato d'intesa tra le Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Valle d'Aosta e il ministero per la Coesione territoriale per accelerare e riqualificare la spesa rimodulando le risorse, europee e nazionali, previste nel quadro delle politiche di coesione. Dalla nuova fase di riprogrammazione dei fondi strutturali europei arriveranno 5,7 miliardi. Lo ha annunciato il ministro della Coesione, Fabrizio Barca, in una conferenza stampa a palazzo Chigi.

La ripartizione in tre pilastri
I 5,7 miliardi di euro rimessi in circolo sono ripartiti in tre pilastri. Il primo, pari a 2,5 miliardi, si articola in nove misure di natura soprattutto anticiclica per contrastare gli effetti recessivi sui lavoratori, promuovere le imprese e sostenere le famiglie in difficoltà. Queste misure sono state discusse anche con le parti economiche e sociali. Il secondo pilastro, da 1,9 miliardi di euro, salvaguarda i più validi progetti già avviati dale Regioni che rischiavano di non essere ultimati nei tempi previsti dall'attuale programmazione europea. Il terzo pilastro, infine, finanzia nuove azioni delle Regioni per 1,3 miliardi di euro e include anche le compensazioni ambientali in Val di Susa per favorire l'inserimento territoriale della linea ferroviaria Torino-Lione.

Il bilancio del ministro su prima e seconda fase
«Se l'Italia ha potuto a Bruxelles parlare con voce alta è perchè le Regioni e le amministrazioni hanno preso questa sfida sul serio - ha spiegato il ministro Fabrizio Barca e questo ha determinato una forte accelerazione nell'utilizzo dei fondi che supera la soglia del 30%: andremo dunque oltre la soglia che ci eravamo prefissi. Un Paese che pretende più fondi deve dimostrare di saperli usare». Il ministro ha anche tracciato un bilancio sullo stato di attuazione della prima e della seconda programmazione che rimodulavano risorse per 6,4 miliardi di euro. Il bilancio è in chiaro-scuro: alcuni piano hanno conseguito risultati positivi (per esempio l'istruzione, che ha speso oltre il 30% delle risorse e impegnato il 70%) o le linee d'intervento per le ferrovie (il contratto di sviluppo per la direttrice Napoli-Bari-Lecce-Taranto finanziata da 3,5 miliardi di euro) e il credito d'imposta (completamente esaurito il budget dedicato). Soddisfacente anche il bilancio dell'iniziativa "Messaggeri della conoscenza" volta ad attirare nel Mezzogiorno ricercatori impegnati all'estero. Più lenti, invece, i tempi relativi all'attuazione degli interventi per l'agenda digitale e per i servizi di cura per la prima infanzia e gli anziani non autosufficienti.

Commenta la notizia