Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 05 gennaio 2013 alle ore 15:51.

My24

In tempo reale gli esperti di social media si dividono: è da apprezzare, è da condannare, è da consigliare meglio: professore, distingua il tuo tweet da quello del tuo staff. Però il candidato Mario Monti buca anche Twitter, fissa una serie di domande e risposte alle 11 di mattina con l'hashtag #Montilive e chiude con il tweet «Un attimo... 100.007 follower. WOW!! Benvenuti a voi e a quelli che verranno. #MontiLive @scelta_civica».

I tweeter seguono con cuoriosità ma ironizzano: Monti è bacchettato per scarsa dimestichezza col mezzo, quando gli sfugge una risposta incompleta per la fretta di premere invio, e per la scelta dei quesiti, soprattutto quando provengono da giornalisti più che dai cittadini.
Ma il professore è su Twitter dalla fine della conferenza stampa che ha chiuso il suo Governo e dal primo tweet inviato il giorno di Natale. In meno di dieci giorni ha capito più o meno come funziona e dice che gli piace visto che chiude la chat con «time over» «Non vorrei fermarmi più!» «se continuo a twittare non preparo le liste per raccogliere le firme».

Il twitter time, rileva Blogmeter società specializzata in
analisi dei social network, ha comunque portato oltre 5mila follower in due ore, 15mila tweet con un picco di 116 tweet al minuto. Per un paio d'ore di Twitter time, dalle 11 alle 13, il senatore ha ricevuto oltre duemila domande a cui ha dtato solo 16 risposte. Il tutto in 140 caratteri, pochi per argomentare, ma ideali per porsi all'ascolto dell'elettorato più avvezzo alle tecnologie e guadagnare ulteriore visibilità mediatica riflessa", spiega Vincenzo Cosenza responsabile di Blogmeter.

Oltre 8000 tweet sono stati indirizzati espressamente all'account @senatoremonti, mentre l'hashtag più usato nel live tweeting è stato quello ufficiale #montilive (2909 volte), seguito da #monti (1.415 volte). I 5000 follower acquisiti in due ore, «più del doppio della media giornaliera che fa registrare solitamente l'account», sono serviti a superare la soglia dei 100.000 follower in soli 14 giorni.

Continua l'esporto interpellato dall'Ansa: «Qualche nota stonata c'è stata - sottolinea Cosenza -: nelle tecniche di uso del mezzo (esempio rispondere a @tizio senza far precedere il tweet da un puntino, rende la risposta invisibile ai follower) e soprattutto nello stile adottato, su tutti l'uso di 'Wow!!' al raggiungimento dei 100.000 follower, che è risultato forzato e non aderente all'immagine del professore. Insomma - conclude il responsabile di Blogmeter - un esperimento che si spera stimoli altri politici a comunicare più direttamente con i cittadini, evitando di occupare gli spazi della rete con una comunicazione vecchia e unidirezionale».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi