Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 15 gennaio 2013 alle ore 21:26.

My24

La discesa del termometro era annunciata, e del resto è tutto nella norma in una stagione invernale che si rispetti. Pioggia e nevischio sono arrivate in queste ore nella pianura veneta, con qualche precipitazione nevosa in montagna fino alle quote collinari. Nevica anche in Lombardia, da questo pomeriggio i fiocchi sono caduti su Milano dove è pronto a scattare il Piano neve coordinato dal Comune di Milano, con Protezione civile comunale e Amsa.
Non va meglio sull'Emilia Romagna dove la Protezione civile ha previsto l'allerta neve con validità per 30 ore, sino all'una di giovedì. Il maltempo ha creato problemi alla circolazione stradale intorno a Pisa dove si sono verificati isolati blackout elettrici o telefonici.
Insomma, come da aspettative e da analisi dei meteorologi su tutta l'Italia si stanno verificando situazioni di «diffuso maltempo», anche se la parte peggiore si verificherà tra domani e Venerdì.
«L'enorme serbatoio di aria gelida che dalla Russia sta investendo L'Italia porterà nubifragi che in queste ore si stanno già abbattendo con estrema violenza al sud dalla Calabria verso la Puglia, dove tormente di neve imbiancano la Sila», fanno sapere dal portale Meteo.it.
E proprio a Catanzaro stamani, un treno regionale partito da Catanzaro Lido e diretto a Reggio Calabria ha subito danni dopo essere stato investito da una lamiera trascinata sui binari a causa delle forti raffiche di vento.

Sulla base delle previsioni dei meteorologi, il dipartimento della Protezione civile ha dunque emesso una nuova allerta meteo che integra ed estende quelle emesse nei giorni scorsi e che prevede piogge e temporali anche molto intensi su Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Lazio e Sardegna.

Previsto, inoltre, il persistere di nevicate intorno ai 300-500 metri, con sconfinamenti a livelli di pianura sulla Lombardia, in successiva estensione ad Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Dalle prime ore di domani, dicono ancora gli esperti, si prevedono nevicate fino a 300-500 metri su Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise, con temporanei sconfinamenti a quote più basse su Toscana ed Umbria e nevicate oltre i 500-700 metri su Campania, Basilicata e Calabria. Infine, sono previsti venti forti di burrasca su Campania, Molise, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna.
«Il freddo che sta aggredendo la nostra penisola è solo all'inizio - puntualizza Massimiliano Pasqui dell'Istituto di Biometeorologia del Cnr -Ibimet - giovedì e venerdì è attesa la terza fase di maltempo che si farà sentire in particolare al Centro sud con pioggia e un calo della colonnina di mercurio».

E sul dibattito aperto se nevicherà o meno su Roma, Pasqui chiarisce: «se le temperature della Capitale non si abbasseranno ulteriormente, di 1 o 2 gradi, certamente avremo poche possibilità di vedere i Fori Imperiali sotto una coltre di neve. Qualche fiocco lo farà certamente a nord di Roma».

Sulla stessa linea il meteorologo Francesco Nucera di 3bmeteo.com che precisa: «Il rovesciamento dell'aria più fredda dalle alte quote potrebbe determinare episodi di neve tonda o gragnola su Roma tra la sera e la notte. Ma non si tratterà di un evento esteso ma di fenomeni più localizzati, specie a Nord». «Nevicherà invece sui colli, e nel fine settimana - conclude Nucera - ci saranno nuove occasioni per nevicate a quote molto basse al Nord».

Commenta la notizia