Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 aprile 2013 alle ore 15:47.

My24

Due documenti tutto sommato snelli - di 29 e 83 pagine - che racchiudono l'"Agenda possibile", in materia economico-sociale ma soprattutto su quello delle riforme istituzionali, per portare il nostro sistema politico fuori dalle secche in cui si trova dalle ultime Politiche. Si è conclusa così la "mission impossible" dei 10 saggi incaricati il 30 marzo scorso dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di metter giù un canovaccio di proposte e priorità per favorire l'intesa tra i partiti impegnati a dare un governo all'Italia. Ma vediamo più da vicino le proposte presentate questa mattina al Quirinale dagli esperti.

LE PROPOSTE DEL GRUPPO ISTITUZIONALE

Fiducia solo dalla Camera, possibilità di sfiducia costruttiva, potere del premier di chiedere lo scioglimento anticipato dell'Assemblea di Montecitorio e di proporre al Capo dello Stato non solo la nomina ma anche la revoca dei ministri. Mentre il finanziamento pubblico delle attività politiche, in forma adeguata e con verificabilità delle singole spese, costituisce un fattore ineliminabile per la correttezza della competizione democratica e per evitare che le ricchezze private possano condizionare impropriamente l'attività politica. Sono in estrema sintesi le proposte del gruppo di lavoro sulle riforme costituzionali istituito dal Presidente della Repubblica (e composto da Mario Mauro, Valerio Onida, Gaetano Quagliariello, Luciano Violante).

No al governo sempresidenziale, preferibile il regime parlamentare
Secondo il gruppo di lavoro è preferibile il regime parlamentare in quanto più coerente con il complessivo sistema costituzionale, capace di contrastare l'eccesso di personalizzazione della politica, più elastico rispetto alla forma di governo semipresidenziale.

Richiesta di fiducia ad una sola Camera
Quanto alla forma di governo, i saggi hanno deliberato all'unanimità alcune correzioni che sarebbe utile introdurre nel nostro sistema «qualora dovesse essere confermata la forma di governo parlamentare razionalizzata». Per esempio, dopo le elezioni, il candidato alla Presidenza del Consiglio, nominato dal Presidente della Repubblica sulla base dei risultati elettorali, dovrebbe essere obbligato a presentarsi per la fiducia alla sola Camera dei deputati (ipotizzando una contestuale riforma dell'attuale bicameralismo paritario) per ottenerne la fiducia. Altro suggerimento, al presidente del Consiglio «che abbia avuto e conservi la fiducia della Camera, spetta il potere di proporre al Capo dello Stato la nomina e la revoca dei ministri».

Superare il Porcellum, verso un sistema misto proporzionale-maggioritario
A giudizio dei saggi, poi, «in ogni caso va superata la legge elettorale vigente» e «la nuova legge potrebbe prevedere un sistema misto (in parte proporzionale e in parte maggioritario), un alto sbarramento, implicito o esplicito, ed eventualmente un ragionevole premio di governabilità». Sempre in materia di norme elettorali, i saggi propongono «di eliminare le circoscrizioni estero, prevedendo il voto per corrispondenza, assicurandone la personalità e la segretezza».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi