Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 30 maggio 2013 alle ore 15:10.

My24

Un altro simbolo Cinquestelle scaricato da Beppe Grillo. Non bastava la caduta dal piedistallo di Milena Gabanelli, passata da candidata al Colle a nemica del popolo pentastellato dopo una puntata di Report sui conti del blog dell'ex comico. Adesso il leader in persona attacca quello che è stato il principale dei candidati di M5s alla Presidenza della Repubblica, Stefano Rodotà.

Grillo: Rodotà miracolato dalla rete. Il giurista: non commento
In un intervento pubblicato sul suo blog l'ex comico si schiera contro i «maestrini dalla penna rossa» che dopo le comunali hanno criticato il movimento. E punta il dito contro il giurista, cui allude come a «un ottuagenario miracolato dalla Rete, sbrinato di fresco dal mausoleo dove era stato confinato dai suoi a cui auguriamo di rifondare la sinistra». Rodotà preferisce non replicare. «Non è nel mio stile», dice.

Rodotà aveva criticato, in un'intervista al Corriere della Sera, l'ex comico, sottolineando che dare la colpa agli elettori - dopo la perdita di voti nelle ultime elezioni comunali - è semplicemente una spiegazione che non spiega.

Piovono critiche dai lettori del blog: Beppe sbagli!
La base, i lettori del blog, non ci sta. I commenti hanno toni critici: "Basta insultare persone perbene", "sbagli", "Beppe hai la mia stima, la mia gratitudine e il mio voto però ora hai rotto". "Di miracolati della Rete te ne intendi. Ne hai fatti eleggere ben 163".

E l'assemblea dei deputati non affronta il caso
L'assemblea dei deputati M5S non ha affrontato il caso Rodota'. A quanto si apprende, Tommaso Curro', deputato siciliano considerato uno dei dissidenti del Movimento, avrebbe chiesto di affrontare la questione, alla luce del post con cui Beppe Grillo ha di fatto scaricato il giurista incoronato dalle "Quirinarie". Curro' avrebbe chiesto di inserire nell'ordine del giorno dell'assemblea anche i problemi interni al gruppo. Ma entrambe le proposte non hanno raggiunto la maggioranza di 55 voti e sono state per questo rinviare alla prossima riunione. La scelta di non affrontare il nodo Rodotà avrebbe creato parecchi malumori nel gruppo.

Veltroni? «Riesumato per discettare delle elezioni, ma le ha perse tutte»
Nel mirino del post di Grillo cade anche Walter Veltroni: «Topo Gigio Veltroni - scrive il leader di M5s - è stato riesumato per discettare delle elezioni, forte della sua esperienza di averle perse tutte, ma proprio tutte». Oltre a Rodotà e all'ex vicepremier, le critiche di Grillo si concentrano su Nichi Vendola, Pier Luigi Bersani, Anna Finocchiaro, Pippo Civati e Matteo Renzi.

Renzi? «È un venditore a tempo pieno di se stesso»
Grillo non risparmia critiche a Renzi: «non è più sindaco di Firenze da tempo - si legge nel blog - è diventato un venditore a tempo pieno di se stesso. Vende in giro un sindaco mai usato, come nuovo».

Bersani e la confusione su Wellington aTrafalgar
È poi la volta di Pier Luigi Bersani. «C'è poi lo smacchiatore di Bettola in grande forma che spiega, con convinzione, che la colpa del governo delle Larghe Intese è del M5S quando il Pdmenoelle ha fatto l'impossibile per fottere prima Marini e poi Prodi e non ha neppure preso in considerazione Rodotà. Belìn, questo ha perso più battaglie del general Cadorna a Caporetto e ci viene venduto da Floris come Nelson a Trafalgar (al momento della pubblicazione dell'intervento Grillo aveva scritto: «Wellington a Trafalgar», confondendo il vincitore di Napoleone a Waterloo con Horatio Nelson. Poi l'intervento e la modifica sul blog, con l'inserimento del nome dell'ammiraglio, ndr).

Finocchiaro? «Accampata in Parlamento da otto legislature»
«E poi - ha scritto ancora l'ex comico nel blog - c'è la claque, quella cattiva e quella buona, quella che attacca a testa bassa, la cui esponente è la Finocchiaro che vuole fuorilegge il M5S, accampata in Parlamento da 8 legislature, e quella buona, alla Pippo Civati, che non ha fatto i nomi dei 101 che hanno affossato Prodi, che vive in un partito che succhia da anni centinaia di milioni di finanziamenti pubblici, ma però è tanto buonino. Lo vorresti adottare o, in alternativa, lanciargli un bastone da riporto. Maestrini che vedono la pagliuzza negli occhi del M5S, pagliuzza che spesso non c'è neppure, e non hanno coscienza della trave su cui sono appoggiati».

Commenta la notizia