Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 luglio 2013 alle ore 18:52.

My24
Addio anche a Pernigotti: gianduiotti e torroni passano in mani turche - Caccia al made in Italy: chi sarà la prossima preda?

La Pernigotti, storico marchio del settore dolciario, passa in mani turche. La Fratelli Averna ha firmato infatti un accordo con il gruppo familiare turco Toksoz per la vendita del 100% del capitale sociale della Pernigotti.

«Siamo fieri - affermano Ahmet e Zafer Toksoz - di aver acquisito Pernigotti, marchio ricco di storia e fascino che identifica nel mondo la gianduia e il torrone italiano. Manterremo e potenzieremo l'attuale struttura, sviluppando l'attività in nuove e interessanti aree geografiche, sfruttando la forza del marchio Pernigotti. Introdurremo Pernigotti nel mercato turco così come in altri importanti Paesi».

Il gruppo Toksoz, con sede a Istanbul, opera in tre settori principali: alimentare-dolciario, farmaceutico ed energetico. Il fatturato annuo è pari a circa 450 milioni di euro. Nel segmento dolciario, Toksoz, attraverso una società controllata, detiene i marchi Tadelle, Sarelle e una gamma completa di snack dolci, creme spalmabili, gelati realizzando un fatturato annuo pari a circa 80 milioni.

L'attività produttiva del gruppo Pernigotti si svolge a Novi Ligure, dove l'azienda occupa circa 150 dipendenti. «Manterremo e potenzieremo l'attuale struttura, sviluppando l'attività in nuove e interessanti aree geografiche, sfruttando la forza del marchio Pernigotti. Introdurremo Pernigotti nel mercato turco cosi come in altri importanti paesi», commentano Ahmet e Zafer Toksoz.

«Negli ultimi mesi - dichiara la famiglia Averna - siamo stati oggetto di un forte interesse da parte dei principali operatori nazionali ed esteri; siamo lieti di affidare Pernigotti al gruppo Sanset della famiglia Toksoz, solido e determinato ad agire in ottica di continuità e sviluppo».

Pernigotti, azienda italiana con oltre 150 anni di storia, si distingue - ricorda una nota - per la posizione di leadership nel segmento del cioccolato gianduia, del torrone e degli intermedi per gelato e pasticceria. Pur operando finora prevalentemente sul mercato domestico, ha riscontrato negli ultimi anni «un crescente interesse per i propri prodotti sui mercati internazionali, tra cui Germania, Stati Uniti, America Latina e Cina». Le vendite ammontano a circa 75 milioni di euro.

La Averna, gestita dalla omonima famiglia da cinque generazioni, è attiva nella produzione e commercializzazione di alcolici con marchi propri e nella distribuzione nel mercato italiano di alcuni marchi internazionali.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi