Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 25 agosto 2013 alle ore 15:01.

My24
Gli Zhou sorpassano i Brambilla. Così cambiano i cognomi di Milano

Sorpasso nel 2013 a Milano del cognome Brambilla ad opera dell'orientale Zhou. Perde posizioni anche il cognome meneghino Fumagalli che, rispetto al 2012, scende dal 30esimo al 36esimo posto. Sono alcune novità della classifica dei 50 cognomi più diffusi a Milano registrati all'anagrafe del Comune nel 2013.

Resistono ancora in vetta i 4.345 Rossi residenti a Milano (erano 4.379 nel 2012), tallonati però sempre più da vicino dai 4.101 Hu (3.694 nel 2012), il cui secondo posto in graduatoria è entrato ormai nella storia della città. Diminuiscono i Colombo (stabili al terzo posto, ma scesi dai 3.685 del 2012 ai 3.652 del 2013), i Ferrari (dai 3.568 del 2012 ai 3.532 del 2013), i Bianchi (dai 2.784 iscritti all'anagrafe un anno fa ai 2.745 di oggi), mentre aumentano i Russo (i 2.337 del 2012 sono saliti ai 2.372 di oggi).

Seguono, all'ottavo e nono posto nella banca dati del Comune, altri due cognomi di chiara provenienza cinese, con un numero di iscritti notevolmente aumentato nell'ultimo anno: Chen (dai 1.625 del 2012 ai 1.883 del 2013) e Zhou (da 1.439 del 2012 a 1.602 del 2013).

Chiudono la top ten di quest'anno i 1.510 Brambilla, anch'essi scesi rispetto ai 1.536 di appena 12 mesi fa. Un cognome largamente diffuso nel Sud Italia come Esposito vanta oggi 1.462 rappresentanti milanesi, rispetto ai 1.420 del 2012 e riesce a conquistare una
posizione (dalla 12esima all'11esima).

Secondo l'assessore al Commercio Franco D'Alfonso, «da questa classifica dei primi 50 cognomi emerge che gli 8 cognomi cinesi sono portati complessivamente da quasi 13mila cittadini. In generale prosegue - l'anagrafe dei cognomi è una fotografia di Milano, da sempre aperta ai contributi di quanti, italiani o stranieri, scelgono la nostra città come centro di vita e di lavoro e contribuiscono alla sua crescita».

Nell'elenco dei primi 50 cognomi, anche due di matrice araba: Mohamed, che si colloca al 23esimo posto (1.115 persone) e Ahmed in 45esima posizione (861).

Leggermente in calo all'anagrafe altri classici nomi di famiglia ambrosiani: i 1.342 Cattaneo (erano 1.367 un anno fa) scendono dal 13esimo al 14esimo posto, i 1.087 Riva (1.106 nel 2012) passano dal 22esimo al 26esimo posto, subito seguiti a ruota dai 1.085 Pozzi (1.105 nel 2012), anch'essi in perdita di quattro posizioni in un anno: dalla 23esima alla 27esima.

Beretta, invece, cognome di antiche e illustri tradizioni essendo legato al primo Sindaco della città, è portato oggi da 1.032 milanesi, quasi lo stesso numero di un anno fa (1.042). E se nel 2012 i 1.027 Fumagalli comparivano solo al 30esimo posto in graduatoria, nel 2013 scendono sotto il migliaio: 988 in tutto.

Guadagnano posizioni in classifica e superano quota mille persone altri classici cognomi cinesi, la cui comunità, attiva in via Paolo Sarpi fin dagli anni Venti, è storicamente la più antica tra quelle straniere presenti in città e, quindi, anche tra le più numerose: Wang (oggi rappresentato da 1.209 persone rispetto alle 1.030 del 2012, sale dal 29esimo al 19esimo posto), Wu (con 1.109 residenti nel 2013 rispetto ai 930 del 2012, passa dal 35esimo al 24esimo posto), Lin (oggi 1.067 a fronte dei 916 nel 2012, dal 36esimo al 28esimo posto), Zhang (quest'anno 1.021, 829 nel 2012, dal 44esimo
al 33esimo posto).

Commenta la notizia