Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 30 agosto 2013 alle ore 12:27.

My24
Renzo Piano, Elena Cattaneo,  Carlo Rubbia e Claudio Abbado senatori a vita, nessun politico tra loro - I profili - «Stupita e commossa» (di Elena Cattaneo)

Nessun politico, o tecnico prestato alla politica (come l'ex premier Mario Monti, nominato nel 2012), ma "semplici" italiani illustri tra i nomi scelti dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per allungare la lista dei senatori a vita: il maestro Claudio Abbado, la professoressa Elena Cattaneo, l'architetto Renzo Piano e il professor Carlo Rubbia. Quattro nomi che rappresentano senza ombra di dubbi una sintesi dell'eccellenza italiani nei campi della musica (Abbado) della ricerca scientifica (Cattaneo), del'architettura (Piano) e della fisica (Rubbia). ««Mi sento alleggerito come
quando si compie un adempimento. Ho compiuto quello che mi toccava compiere per i senatori a vita». Così il presidente della Repubblica intervenendo nel pomeriggio a SkyTg24, in occasione dei dieci anni dall'emittente satellitare.

Quattro nomi di prestigio per colmare i vuoti tra i senatori a vita
Le ragioni della scelta del presidente dela Repubblica sono affidate in maniera piu' estesa ad una nota diffusa in mattinata in cui Napolitano si dice convinto che «dai quattro senatori a vita prescelti verrà un contributo peculiare, in campi altamente significativi, alla vita delle nostre istituzioni democratiche, e, in assoluta indipendenza da ogni condizionamento politico di parte, all'attività del Senato e dell'intero parlamento». Tra gli obiettivi, anche quello di «dare un segno di serena continuità istituzionale», colmando «i vuoti tristemente determinatisi, nel breve giro di un anno, nelle fila dei senatori a vita di nomina presidenziale». Per questa "tornata" di nomine, Napolitano dice di essersi ispirato ai criteri che guidarono in materia il presidente Einaudi, con una attenzione particolare alle personalità rappresentative del mondo della cultura e della scienza.

Nomi di valore «indubbio», con un occhio alle difficoltà della ricerca
Nella nota, il presidente mette le mani avanti rispetto alle possibili polemiche: «ritengo indubbio che tra quelle oggi nominate ve ne siano di talmente note per le loro attività e i risultati conseguiti da considerarsi portatrici di curricula e di doti davvero eccezionali, come attesta il prestigio mondiale di cui sono circondate», e sottolinea l'importanza anche simbolica di un nome come quello della scienziata Elena Cattaneo, «di età ancor giovane ma già nettamente affermatasi, la cui scelta ha anche il valore di un forte segno di apprezzamento, incoraggiamento e riferimento per l'impegno di vaste schiere di italiane e italiani di nuove generazioni dedicatisi con passione, pur tra difficoltà, alla ricerca scientifica».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi