House Ad
House Ad
 

L'Italia è un Paese in vendita? Da Telecom a Loro Piana tutto il made in Italy comperato dagli stranieri

Ecco, settore per settore, i principali marchi italiani acquisiti negli ultimi anni che sono finiti in mani straniere

1. Il made in Italy comperato dagli stranieri / Buitoni, Perugina e la lunga fila dei marchi che fa gola all'estero

My24

Il food italiano fa gola agli investitori stranieri. Negli ultimi 30 anni una fila di marchi italiani sono finiti nel carrello di multinazionali estere. In assoluto però non è stato un danno per il made in Italy perché, grazie alle piattaforme distributive internazionali, è stato possibile diffondere marchi prodotti nel mondo. Per esempio l'acqua minerale San Pellegrino è diffusa in America e ora è arrivata in Cina mentre i cioccolatini Perugina sono conosciuti in molti mercati.

L'ultimo caso è stato l'acquisizione del 25% di Riso Scotti da parte della multinazionale alimentare iberica Ebro Food, probabilmente in seguito a una disavventura giudiziaria di Dario Scotti. E gli spagnoli ora hanno un'opzione per salire al 40%. L'anno scorso l'oligarca russo Roustam Tariko ha conquistato gli spumanti di Gancia mentre i giapponesi di Mitsubishi hanno issato la bandiera sui pelati di AR. E sempre l'anno scorso la Stock Spirits Group, controllata dal fondo californiano Oaktree, ha trasferito la produzione dello Stock 84 in Repubblica Ceca.

Raffica di acquisizioni
Prima ancora, nel 2011, un'altra spagnola, la Campofrio food ha rilevato i salumi di Fiorucci, nel 2008 il gruppo Sos (poi Deoleo) ha rilevato gli oli Bertolli, Carapelli e Sasso che ora sono in vendita per le difficoltà finanziarie della holding. Nell'orbita di Gallina Blanca è entrata la Star dopo la rinuncia della famiglia Fossati, l'argentina Molinos ha rilevato dal fallimento (e rilanciata) la pasta Del Verde.
Consistente anche il bottino dei francesi: il boccone più grosso è indubbiamente quello di Lactalis con Parmalat e prima ancora con i formaggi Galbani, Invernizzi e Cademartori; il 49% di Eridania Italia é stato ceduto alla Cristalalco mentre il 27% del gruppo caseario Ferrari é entrato in portafoglio alla Bongrain Europe.
Molti anni fa la multinazionale svizzera Nestlé acquisì Buitoni e Perugina, il gruppo americano Heinz i biscotti Plasmon e l'olandese Heineken ha bevuto le birre Peroni, Moretti e Dreher.
In generale i capitali internazionali non sono una minaccia per l'industria alimentare italiana se le produzioni rimangono nel nostro paese. Infatti nonostante la raffica di acquisizioni dei capitali esteri, negli ultimi 30 anni l'occupazione è passata da 100mila a oltre 400mila addetti. Mentre l'export è volato da 2 a 10 miliardi. E il food italiano vive una fase magica sui mercati internazionali.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Amazon contro tutti: dopo Hachette
sfida a Walt Disney

Altra disputa per Amazon. Mentre è alle prese da tre mesi con un braccio di ferro con Hachette, a

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da