Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 27 settembre 2013 alle ore 12:02.

My24
Pd, via libera a regole: primarie l'8 dicembre - Perché il Pd vuole cacciare Crocetta

La direzione Pd si è conclusa dopo un'ora di lavori con l'approvazione delle regole che danno ufficialmente il via al congresso. Rimane confermata la data dell'8 dicembre per le primarie che eleggeranno il nuovo segretario. Il regolamento approvato prevede che entro le 20 dell'11 ottobre vengano depositate alla commissione nazionale le candidature alla segreteria con le relative liste programmatiche. Candidature che devono essere sottoscritte da almeno il 10% dei componenti dell'assemblea nazionale uscente oppure da un numero di iscritti compreso tra i 1.500 e 2.000 distribuiti in non meno di cinque regioni, appartenenti ad almeno tre delle cinque circoscrizioni elettorali per il Parlamento europeo. In ciascun collegio può essere presentata una lista collegata a ciascun candidato alla segreteria.

I criteri per partecipare al voto
Il regolamento che ha ottenuto il via libera spiega che «possono partecipare al voto per l'elezione del segretario e dell'assemblea nazionale» gli elettori al momento del voto iscritti al Pd e quelli che «dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del partito, sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrati nell'albo pubblico delle elettrici e degli elettori».

Limite di 200mila euro per le spese in campagna elettorale
Le spese della campagna elettorale di ciascun candidato non possono superare l'importo di 200 mila euro per i candidati alla segreteria nazionale e 8 mila euro per i provinciali. È quanto prevede il regolamento sul congresso approvato dal Pd. È previsto inoltre, per contenere le spese, che non siano ammesse da parte dei candidati o delle liste che li sostengano la pubblicazione a pagamento di messaggi pubblicitari o propaganda personale su radio, tv e giornali. Consentiti volantini e manifesti.

Il segretario Epifani annuncia: ok regole Congresso
Nel suo intervento di apertura Epifani annuncia in direzione l'intesa sulle regole Pd e si dice soddisfatto che il percorso parta «dal basso». Il segretario Pd, secondo quanto si apprende, avrebbe detto: «Forse abbiamo parlato troppo di regole, ma le regole sono sostanza, ce lo insegnano anche le vicende politiche di questi giorni. Sono soddisfatto del percorso dal basso, avrei preferito meno sospetti tra di noi»

Troveremo soluzione per nodo segretario-candidato
Per quanto riguarda le modifica allo Statuto e in particolare quella dell'articolo 3 per separare il ruolo del segretario del partito da quello del candidato premier «troveremo le modalità per risolvere questo punto«.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi