Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 19 novembre 2013 alle ore 21:23.
L'ultima modifica è del 20 novembre 2013 alle ore 08:06.

My24

Sciopero dei commercialisti - Le ragioni di un malessere
Sul Sole 24 ORE due pagine di approfondimenti sul malessere dei commercialisti, una categoria che si avvicina al primo storico sciopero per protestare contro la situazione di estremo disagio. Al centro della protesta la tortuosa vicenda dei revisori legali – che a causa dell'errato recepimento di una direttiva europea sono stati messi fuori gioco dal legislatore e costretti a un nuovo esame di stato – con l'esito della manifestazione di oggi all'Auditorium di via Conciliazione. Il viceministro Fassina ha dichiarato che il Governo interverrà sul tema con una sanatoria. Le rivendicazioni ora però investono il ruolo del commercialista, utilizzato dalla Pubblica amministrazione come collaboratore a costo zero e sempre più in balia di provvedimenti adottati in via d'urgenza, senza tener conto delle enormi ricadute sul lavoro e sui tempi di esecuzione degli studi. Per questo i commercialisti si avviano alla prima storica astensione di massa.

Decreto scuola: tutte le novità della conversione
Dal piano triennale di assunzioni per 69mila insegnanti e 16mila tecnici amministrativi, ai periodi di apprendistato in azienda che consentiranno agli studenti di superiori e università di entrare in contatto con il mondo del lavoro. Sono tante le novità del decreto scuola, appena convertito in legge, a cui «II Sole 24 Ore» dedica un Focus in edicola mercoledì 20 novembre. Si tratta del primo approfondimento complessivo sulle novità che interessano scuola, formazione e università dopo il varo del decreto legge da parte del Parlamento.

Il decreto 104/2013 si sofferma, in particolare, sugli strumenti destinati a connettere formazione in azienda e nelle scuole e nelle università attraverso lo strumento dell'apprendistato. A questo si aggiunge il quadro delle nuove assunzioni di docenti e tecnici oltre alle nuove modalità di reclutamento dei presidi.

Il decreto contiene, poi, una serie di novità interessanti per le famiglie, come gli aiuti per i libri di testo o le borse di studio per gli studenti meritevoli. Ci sono poi misure che interessano direttamente le scuole, come quelle sull'edilizia scolastica e la salute.
Chiude il fascicolo un monitoraggio del complesso dei provvedimenti che serviranno per attuare il complesso delle disposizioni del decreto, in modo da poter tenere sempre sott'occhio il cammino dell'attuazione del provvedimento.

Commenta la notizia